La carenza di vitamina D fa male al cuore

Pamela Franzisi A cura di Pamela Franzisi Pubblicato il 07/09/2020 Aggiornato il 07/09/2020

Mancare di vitamina D dopo un infarto potrebbe esporre al rischio di nuovi eventi. A dimostrarlo uno studio italiano

La carenza di vitamina D fa male al cuore

La vitamina D, nota per i suoi benefici alle ossa, è stata esaminata riguardo il suo potenziale ruolo nella salute del cuore, specie per chi ha avuto un infarto del miocardio.

Gli studi sulla popolazione triestina

Per chi ha subìto un infarto, uno stile di vita salutare fatto di alimentazione sana, niente fumo e movimento, sono fondamentali per la ripresa della quotidianità. Di recente, è stato scoperto che anche la vitamina D è alleata della salute del cuore e dei vasi. Tra i vari studi condotti, emerge quello tutto italiano del dipartimento di Scienze mediche dell’Università di Trieste che ha pubblicato i risultati sul Journal of clinical medicine.

È stata rilevata un’importante carenza di vitamina D nella popolazione triestina, con una prevalenza nelle persone che avevano avuto un infarto del miocardio.

Un’indagine su oltre mille pazienti di Cardiologia dell’Ospedale di Cattinara, diretta da Gianfranco Sinagra, in collaborazione con le università di Udine e Perugia ha mostrato che gli effetti della carenza di vitamina D, nel periodo post infarto, non sono diversi di quelli del diabete mellito nel rischio di nuovi eventi e le due condizioni insieme sono ancora più pericolose. La riduzione di vitamina D, poi, si associa ad un maggior rischio di sviluppare diabete, ipertensione e colesterolo alto, tutti ulteriori fattori di rischio infarto.

Pochi minuti di sole al giorno

Trattare la carenza di vitamina D sarebbe importante quanto il trattamento del diabete dopo aver avuto un infarto. L’esposizione al sole per un periodo tra i 5 e 30 minuti, per un paio di volte a settimane, tra le 10 e le 15 sarebbe già sufficiente a garantire un adeguato apporto di vitamina D, riducendo il rischio di nuovi eventi a carico del cuore e dei vasi e migliorando l’aspettativa di vita. Camminare o fare attività fisica all’aperto sarebbero ancora più salutari.

 
 
 

Da sapere!

OLIO DI FEGATO DI MERLUZZO E NON SOLO

La vitamina D viene prodotta per la maggiore dalla cute tramite il sole, ma può arrivare anche dagli alimenti (come fegato, uova, merluzzo, olio di pesce e formaggi) e da appositi integratori a base, per esempio, di olio di fegato di merluzzo oppure di sintesi chimica. È importante sottolineare, però, che la vitamina D va integrata solo in presenza di un deficit accertato attraverso le analisi del sangue e sotto stretto controllo medico.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-CoVid-19: non è vero che ostacola la fertilità. Anzi.

21/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono dati che autorizzino a sostenere che la vaccinazione contro l'infezione da Sars-CoV-2 interferisca sulla fertilità.   »

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti