La dieta mediterranea è un antitumore dell’endometrio

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/07/2015 Aggiornato il 23/07/2015

Donne, se volete uno strumento per prevenire il carcinoma dell’endometrio nutritevi di dieta mediterranea: dimezza il rischio di ammalarsi

La dieta mediterranea è un antitumore dell’endometrio

Tra i molteplici privilegi che ci dona la dieta mediterranea, ce ne sarebbe anche uno tutto “rosa”: le donne che si nutrono con questa dieta avrebbero, infatti, il 50% di rischio in meno di ammalarsi di tumore dell’endometrio, la mucosa che riveste la superficie interna dell’utero. A sostenerlo è un gruppo di ricercatori dell’Irccs – Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri di Milano che, in collaborazione con l’università degli Studi cittadina, il Centro di riferimento oncologico-Cro di Aviano (Pordenone), l’Istituto nazionale tumori di Napoli e l’università di Losanna in Svizzera, ha valutato la relazione che esiste tra dieta mediterranea e rischio di tumore all’endometrio.

Analizzate di più di 5.000 donne italiane

Lo studio, finanziato dalla Fondazione Italiana Per la Ricerca sul Cancro (Firc) e pubblicato sul British Journal of Cancer, si basava su un campione di oltre 5.000 donne italiane. Il punteggio di aderenza alla dieta mediterranea è stato calcolato considerando componenti dietetiche tipiche di questa alimentazione:

·      Verdura

·      Frutta

·      Legumi

·      Cereali

·      Patate

·      Pesce

·      Grassi polinsaturi

Ma anche di alimenti meno tipici in questa dieta come:

·      Carne

·      Latte

·      Latticini

·      Alcol

Più l’aderenza alla dieta mediterranea era alta (7 o più componenti analizzate) più si riduceva il rischio di tumore all’endometrio. All’aumentare dell’aderenza alla dieta mediterranea aumentava la protezione sul tumore dell’endometrio. La spiegazione di questo fattore protettivo verso i tumori sarebbe l’alta presenza di antiossidanti, fibre e grassi polinsaturi nella dieta mediterranea.

Effetto protettivo anche su altri tumori

Questo studio ha permesso di mostrare come la dieta mediterranea avrebbe effetti antitumorali anche verso i tumori del cavo orale, stomaco, fegato e pancreas, oltre che di diminuire il rischio di infarto del miocardio. Anche se il tumore dell’endometrio è legato ad alti livelli di estrogeni e le principali misure di prevenzione sono proprio evitare il sovrappeso e l’obesità, così come afferma Silvio Garattini, direttore dell’Irccs, questo studio rivela che: “anche una dieta ricca di frutta e verdura, pesce, cereali e grassi polinsaturi, povera di carne e latticini, e un consumo moderato di alcol può contribuire a ridurre il rischio di questo tumore, che fa registrare oltre 8.000 casi all’anno”.

 

 

 
 
 

lo sapevi che?

 È stato dimostrato scientificamente che la dieta mediterranea favorisce anche la fertilità, soprattutto quella maschile.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mancato accollamento: è sempre necessario assumere progesterone?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Si parla di "mancato accollamento" quando la parete esterna del sacco gestazionale (corion) non è del tutto adesa alla mucosa uterina: la condizione può risolversi anche solo evitando strapazzi fisici, ovvelo col riposo relativo.  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti