La dieta mediterranea è un antitumore dell’endometrio

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/07/2015 Aggiornato il 23/07/2015

Donne, se volete uno strumento per prevenire il carcinoma dell’endometrio nutritevi di dieta mediterranea: dimezza il rischio di ammalarsi

La dieta mediterranea è un antitumore dell’endometrio

Tra i molteplici privilegi che ci dona la dieta mediterranea, ce ne sarebbe anche uno tutto “rosa”: le donne che si nutrono con questa dieta avrebbero, infatti, il 50% di rischio in meno di ammalarsi di tumore dell’endometrio, la mucosa che riveste la superficie interna dell’utero. A sostenerlo è un gruppo di ricercatori dell’Irccs – Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri di Milano che, in collaborazione con l’università degli Studi cittadina, il Centro di riferimento oncologico-Cro di Aviano (Pordenone), l’Istituto nazionale tumori di Napoli e l’università di Losanna in Svizzera, ha valutato la relazione che esiste tra dieta mediterranea e rischio di tumore all’endometrio.

Analizzate di più di 5.000 donne italiane

Lo studio, finanziato dalla Fondazione Italiana Per la Ricerca sul Cancro (Firc) e pubblicato sul British Journal of Cancer, si basava su un campione di oltre 5.000 donne italiane. Il punteggio di aderenza alla dieta mediterranea è stato calcolato considerando componenti dietetiche tipiche di questa alimentazione:

·      Verdura

·      Frutta

·      Legumi

·      Cereali

·      Patate

·      Pesce

·      Grassi polinsaturi

Ma anche di alimenti meno tipici in questa dieta come:

·      Carne

·      Latte

·      Latticini

·      Alcol

Più l’aderenza alla dieta mediterranea era alta (7 o più componenti analizzate) più si riduceva il rischio di tumore all’endometrio. All’aumentare dell’aderenza alla dieta mediterranea aumentava la protezione sul tumore dell’endometrio. La spiegazione di questo fattore protettivo verso i tumori sarebbe l’alta presenza di antiossidanti, fibre e grassi polinsaturi nella dieta mediterranea.

Effetto protettivo anche su altri tumori

Questo studio ha permesso di mostrare come la dieta mediterranea avrebbe effetti antitumorali anche verso i tumori del cavo orale, stomaco, fegato e pancreas, oltre che di diminuire il rischio di infarto del miocardio. Anche se il tumore dell’endometrio è legato ad alti livelli di estrogeni e le principali misure di prevenzione sono proprio evitare il sovrappeso e l’obesità, così come afferma Silvio Garattini, direttore dell’Irccs, questo studio rivela che: “anche una dieta ricca di frutta e verdura, pesce, cereali e grassi polinsaturi, povera di carne e latticini, e un consumo moderato di alcol può contribuire a ridurre il rischio di questo tumore, che fa registrare oltre 8.000 casi all’anno”.

 

 

lo sapevi che?

 È stato dimostrato scientificamente che la dieta mediterranea favorisce anche la fertilità, soprattutto quella maschile.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa: si può fare qualcosa per farla risalire?

27/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Con il passare delle settimane e l'aumento di dimensione dell'utero la placenta tende a spostarsi verso il fondo dell'utero in modo spontaneo, senza che vi sia bisogno di fare nulla per favorire la sua "migrazione".   »

Bimbo di tre anni che colora fuori dai bordi

23/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

E' normale che a tre anni il bambino non riesca ancora a colorare una sagoma senza uscire dai bordi, quindi insistere affinché lo faccia rappresenta solo un'inutile forzatura.   »

L’uso del cellulare è nocivo in gravidanza?

13/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Durante la gestazione, è davvero poco probabile, anzi si può quasi escludere, che l'utilizzo del telefonino possa avere ripercussioni negative sul bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti