La nuova gonorrea è antibiotico-resistente: attenzione al sesso orale

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 06/09/2017 Aggiornato il 06/09/2017

Servono farmaci più potenti per combattere la nuova gonorrea. Quelli tradizionali contro l’infezione sono armi spuntate

La nuova gonorrea è antibiotico-resistente: attenzione al sesso orale

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità la nuova gonorrea sta diventando sempre più resistente agli antibiotici e quindi difficile da curare, quasi come negli anni Venti, quando non esistevano ancora farmaci adatti per arrestarne la diffusione.

Attenzione al sesso orale

Ogni anno circa 78 milioni di persone contraggono la gonorrea. La malattia è tornata a diffondersi a causa dello scarso uso dei preservativi, la maggiore facilità con cui si viaggia e ci si sposta nel mondo, diagnosi meno precoci della malattia e della difficoltà di trattamento antibiotico. Il sesso orale inoltre, è un autentico moltiplicatore del batterio Neisseria ginorrhoeae, e rappresenta un pericolo in più. Quando si adoperano gli antibiotici per curare un comunissimo mal di gola provocato da altri batteri, se questi coesistono con ceppi di Neisseria, il trattamento produce una pressione selettiva che facilita la diffusione di una resistenza generalizzata a tutti i microrganismi infettivi presenti.

Un’infezione molto pericolosa

La gonorrea è una malattia che si trasmette sessualmente ed è causata dal batterio Neisseria gonorrhoeae. La sua trasmissione può avvenire per contatto diretto con chi è già infetto o tramite le sue secrezioni. I suoi effetti più comuni sono infiammazioni e perdite vaginali nelle donne,  infiammazioni pelviche e difficoltà nell’urinare negli uomini.  In molti casi però è asintomatica e questo rende più difficile la sua diagnosi. Viene trattata con antibiotici per distruggere le colonie dei batteri che causano le infezioni. Le complicazioni, che riguardano soprattutto le donne, possono portare all’infertilità e fanno aumentare il rischio di contrarre l’Hiv. Il pericolo maggiore esiste però quando la gonorrea viene contratta in gravidanza, diventando causa potenziale di parto prematuro.

In crescita in tutto il mondo

Ancora prima dell’annuncio dell’Oms, le principali autorità sanitarie di molti paesi, tra i quali Stati Uniti e Canada, avevano segnalato l’emergere di batteri che causano la gonorrea resistenti ai tradizionali antibiotici. Molti paesi segnalano una resistenza nel 97 per cento dei casi alla ciprofloxacina, l’antibiotico più economico e diffuso contro la malattia. I casi di nuova gonorrea sono in aumento anche in Europa, dove il trend di crescita si è avuto a partire dal 2014, con un +25% rispetto al 2013. I dati dell’OMS sono stati raccolti e analizzati in 77 Paesi, dal 2009 al 2014, nei quali la gonorrea è tornata a essere un grave problema.

 

 

In breve

ALLO STUDIO UN NUOVO FARMACO

È allo studio un nuovo antibiotico per curare la gonorrea, ma secondo gli esperti, ai nuovi trattamenti si dovrebbero affiancare sistemi più rapidi e affidabili per diagnosticare precocemente la malattia.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Non sento il bimbo muoversi: perché?

09/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Fino alla 23ma settimana di gravidanza può essere difficile sentire i movimenti del bambino, ma di qui a poco si riusciranno a percepire in modo inequivocabile.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti