La vitamina D aiuta a prevenire il cancro?

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 23/07/2020 Aggiornato il 23/07/2020

Avere buoni valori di vitamina D è utile per prevenire il cancro, ma aiuta anche a diagnosticare alcune tipologie di tumori, in particolare quelli del colon-retto e del sangue

La vitamina D aiuta a prevenire il cancro?

Uno studio condotto dall’Università della Finlandia orientale in collabarazione con l’Università autonoma di Madrid ha evidenziato come possedere buoni valori di vitamina D fornisca al nostro organismo una maggiore protezione antitumorale. Pubblicata sulla rivista scientifica Seminars in Cancer Biology, la ricerca sottolinea inoltre come la vitamina D aiuti la prognosi di alcune tipologie di cancro, tra cui quelli del colon-retto e del sangue.

Salute delle ossa e del sistema immunitario

In generale, è noto da tempo come la vitamina D svolga un suo ruolo nel mantenere in salute le ossa. I ricercatori hanno però evidenziato come questa vitamina sia anche importante nel regolare il sistema immunitario. La sua azione antitumorale è, infatti, mediata principalmente dalle cellule immunitarie.

Benefici non per tutti i tumori

Scendendo nel particolare, gli studi precedenti hanno evidenziato come i maggiori benefici della vitamina D si manifestino con casi di cancro del colon-retto o di tumori del sangue, come leucemie e linfomi. Le motivazioni sono da ricercare sia nella sua capacità di differenziazione delle cellule del sangue durante l’ematopoiesi sia per le cellule staminali adulte nei tessuti a rapita rigenerazione, come per il colon o la pelle. Esistono però anche tipologie di tumore, come quello alla mammella e quello alla prostata, dove a bassi valori di vitamina D nel sangue sono associate una maggiore incidenza e prognosi più complicate.

La reattività alla vitamina D

Partendo dai risultati di questi studi pregressi, la nuova ricerca ha notato come un’elevata reattività alla vitamina D possa essere collegata a un ridotto rischio di cancro. La reattività è però un parametro prettamente soggettivo e varia da persona e persona, influenzando il reale bisogno di integrazione di vitamina D.

Un suggerimento per il futuro

Proprio per questo motivo, i ricercatori sottolineano l’importanza di ulteriori approfondimenti circa il reale ruolo della vitamina come antitumorale. Il suggerimento degli studiosi finlandesi e spagnoli è quello di impostare gli studi successivi suddividendo in base alla reattività personale alla vitamina D i soggetti presi a campione. In questo modo dovrebbe essere più semplice valutare l’impatto della vitamina D sull’organismo.

 

 
 
 

Attenzione

Manca ancora la prova scientifica

Attenzione: l’integrazione di vitamina D non ha, a oggi, dimostrato con certezza la capacità di ridurre la mortalità da cancro. Si è ancora, purtroppo, nella fase di studio. Ma le ricerche scientifiche sono sempre più numerose… E si spera che si arrivi presto a una cura specifica e precisa.

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccinazione in bimba di 5 anni: ci sono pericoli se la mamma è incinta?

04/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Durante la gravidanza non ci sono rischi se si sottopone il primogenito alla vaccinazione contro difterite-tetano-pertosse-poliomielite.  »

A 9 mesi legumi sì o no?

03/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Chiara Boscaro

I legumi possono essere introdotti nell'alimentazione del bambino a partire dal sesto mese di vita, a patto che siano decorticati.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti