Le bibite zuccherate invecchiano il cervello

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 24/08/2017 Aggiornato il 24/08/2017

Confermati gli effetti nocivi delle bibite zuccherate sulla salute cerebrale: aumentano il rischio Alzheimer e ictus. Attenzione anche alle bevande sugar free

Le bibite zuccherate invecchiano il cervello

Due studi della Boston University, pubblicati sulle riviste Stroke e Alzheimer and Dementia, hanno dimostrato l’incidenza delle bevande zuccherate sullo stato di salute del cervello. Secondo queste ricerche, il consumo eccessivo di bibite zuccherate farebbe invecchiare le cellule cerebrali, incidendo addirittura sulle probabilità di ammalarsi di Alzheimer. Anche le cosiddette bibite sugar-free e diet aumentano il rischio di demenza e ictus.

Maggiore rischio di malattie neurodegenerative

Nel primo studio oltre 4mila persone sono state sottoposte a test cognitivi e risonanza magnetica, per valutare i segni dell’invecchiamento sul cervello. È così risultato che le persone che consumavano abitualmente più di due bibite zuccherate al giorno presentavano diversi segni di invecchiamento cerebrale, tra cui un volume ridotto della massa del cervello e una peggiore memoria, entrambi indicatori di rischio per malattie neurodegenerative come l’Alzheimer.

Zucchero, nemico del cervello

Nel secondo studio, i ricercatori hanno conteggiato il numero di bibite zuccherate e diet consumate e gli episodi di ictus e demenza dei partecipanti. Rispetto ai soggetti “più virtuosi”, che non bevevano bevande diet o zuccherate, chi aveva consumato una o più bibite al giorno aveva un rischio di demenza e ictus di tre volte maggiore.

Servono ulteriori studi

Questi studi confermano la correlazione tra invecchiamento del cervello ed elevato consumo di zuccheri ma, come sottolineano gli autori delle ricerche, non è ancora dimostrato che si tratti di un rapporto causa-effetto: servono infatti altre indagini che approfondiscano questa ipotesi.

 

 

Lo sapevi che?

Una bibita su quattro supera la dose di zucchero raccomandata ogni giorno.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti