Liquirizia: troppa fa male al cuore

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 11/12/2017 Aggiornato il 11/12/2017

L’abuso di liquirizia è dannoso per il cuore, poiché può provocare aritmie cardiache. Ecco quanta se ne può mangiare senza correre rischi

Liquirizia: troppa fa male al cuore

L’abuso di liquirizia, soprattutto dopo i 40 anni, può provocare seri problemi al cuore. A ricordarlo è l’Fda (Food and drug administration), l’ente statunitense che si occupa di regolamentare i prodotti alimentari nonché i farmaci: 57 grammi di liquirizia al giorno per due settimane può causare gravi aritmie cardiache.

Colpa della glicirrizina

A renderla così pericolosa sarebbe la glicirrizina, una sostanza che si trova nella radice e che abbassa i livelli di potassio nel sangue. È proprio questo a provocare nelle persone aritmie cardiache e insufficienza cardiaca, pressione alta (è spesso consigliata in gravidanza proprio per contrastare i cali di pressione tipici del periodo) e letargia. Alcuni studi medici ne hanno collegato l’abuso  ai problemi di salute dopo i 40 anni, in particolar modo nelle persone predisposte a pressione alta o a problemi di cuore. Interrompendo, però, il consumo eccessivo, i livelli di potassio rientrano nella norma in breve tempo. La glicirrizina ha effetti collaterali anche sull’equilibrio dei sali minerali provocando ritenzione idrica, gonfiore al viso e alle caviglie, mal di testa e astenia.

Utile contro i bruciori di stomaco

La liquirizia è un arbusto perenne utilizzato per uso commerciale soprattutto in Asia, Grecia e Turchia. Grazie alle proprietà espettoranti della sua radice, viene usata comunemente per alleviare bruciori e ulcere allo stomaco, tosse, mal di gola, bronchite e infezioni virali. In alternativa alla liquirizia, si possono utilizzare prodotti a base di olio di anice, che ha lo stesso sapore radice; in commercio si trovano anche varietà di liquirizia prive della pericolosa glicirrizina.

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

La liquirizia è nota anche per le sue proprietà cicatrizzanti e antinfiammatorie che la rendono ideale come rimedio naturale contro le infiammazioni delle pelli sensibili: herpes, eczema, psoriasi e dermatite.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A riposo assoluto da un mese per via di uno “scollamento”

08/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elsa Viora

Il riposo assoluto in gravidanza è inutile e potrebbe essere dannoso, anche in caso di scollamento amnio-coriale. Molto meglio condurre una vita normale, evitando ovviamente gli strapazzi.   »

Terzo cesaeo dopo due cesarei complicati: è possibile?

01/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Senza dubbio, un terzo cesareo dopo due cesarei che hanno determinato complicazioni espone a dei rischi, che è bene ponderare prima di decidere per una terza gravidanza.   »

Cosa vuol dire “sopra il quinto percentile”?

04/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Una crescita sopra il quinto percentile rappresenta il 95% della popolazione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti