Lo stile di vita più sano regala alle donne un’aspettativa di vita più lunga

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 06/12/2019 Aggiornato il 06/12/2019

L’aspettativa di vita delle donne è maggiore di 5 anni di quella degli uomini. La ragione è semplice ed è legata a uno stile di vita più sano: alimentazione corretta, poco fumo e alcolici e più movimento fisico

Lo stile di vita più sano regala alle donne un’aspettativa di vita più lunga

Gli uomini superano le donne in tanti aspetti, per esempio nell’ammontare degli stipendi e nella facilità di accesso al mondo del lavoro. Ma non nell’aspettativa di vita. Le donne, infatti, vivono in media quasi cinque anni in più rispetto agli uomini: 85,2 anni contro 80,8 anni. Per quali ragioni? Perché ha abitudini di vita più sane. È quanto emerge da uno studio dell’Osservatorio nutrizionale Grana Padano.

L’indagine su 4mila persone

Gli autori dell’indagine hanno intervistato 4mila persone di entrambi i sessi, rivolgendo loro una serie di domande mirate a valutare il loro stato di salute e, in particolare, la loro alimentazione. Ebbene, analizzando le risposte hanno scoperto che le donne hanno comportamenti più corretti a tavola rispetto agli uomini. In primo luogo mangiano meglio, assumendo maggiori quantitativi di alimenti benefici. Nel dettaglio, mangiano più verdura  dei maschi e introducono più elementi preziosi, come proteine, vitamine (in particolare la A, la C e l’acido folico), polifenoli, carotenoidi e sali minerali: tutte sostanze che aiutano a combattere l’invecchiamento e a preservare la salute dell’organismo.

Meno bibite zuccherate e alcolici

In secondo luogo, le donne bevono meglio rispetto agli uomini: consumano meno bibite zuccherate e molte meno bevande alcoliche. Per quanto riguarda gli alcolici, per esempio, gli uomini ne bevono il triplo. Le donne inoltre tendono a pranzare più spesso a casa e, quindi, tendenzialmente a fare pasti più equilibrati e controllati. Infine, ben il 69% delle intervistate non ha mai fumato.

Il parere dell’esperto

Questa ricerca conferma il ruolo fondamentale dell’alimentazione sulla salute dell’organismo. “Parlando di invecchiamento, l’alimentazione rimane il fattore ambientale più facilmente modificabile. Una giusta quota proteica e di vitamine rimane un punto fondamentale per la salute e il benessere, soprattutto se abbinato ad attività motoria quotidiana” ha confermato Michela Barichella, dietologa dell’Asst Gaetano Pini-Cto di Milano e membro del Comitato scientifico dell’Osservatorio Grana Padano.

I consigli che allungano la vita

–       Introdurre almeno 1,1 grammi di proteine (carne o pesce) al giorno per assicurare una buona massa muscolare;

–       mangiare più verdura a foglia verde, che contiene l’acido folico;

–       via libera a latte e latticini, yogurt e formaggi stagionati, ricchi di aminoacidi essenziali, calcio, vitamina B12, vitamina A e antiossidanti come zinco e selenio;

–       non bere più di due bicchieri di vino al giorno;

–       non fumare.

 

Da sapere!

Per vivere a lungo è importante anche praticare costantemente attività fisica aerobica a bassa e media intensità ed esercizi di rinforzo muscolare.

 

Fonti / Bibliografia
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa: si può fare qualcosa per farla risalire?

27/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Con il passare delle settimane e l'aumento di dimensione dell'utero la placenta tende a spostarsi verso il fondo dell'utero in modo spontaneo, senza che vi sia bisogno di fare nulla per favorire la sua "migrazione".   »

Bimbo di tre anni che colora fuori dai bordi

23/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

E' normale che a tre anni il bambino non riesca ancora a colorare una sagoma senza uscire dai bordi, quindi insistere affinché lo faccia rappresenta solo un'inutile forzatura.   »

L’uso del cellulare è nocivo in gravidanza?

13/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Durante la gestazione, è davvero poco probabile, anzi si può quasi escludere, che l'utilizzo del telefonino possa avere ripercussioni negative sul bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti