Lo stress lavorativo fa ingrassare!

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 22/03/2019 Aggiornato il 22/03/2019

Ora è provato: lo stress lavorativo può fare aumentare di peso le donne, anche del 20 per cento in più di chi non è sottoposta a pressioni e tensioni

Lo stress lavorativo fa ingrassare!

Lo stress lavorativo a volte è inevitabile ma se eccessivo può avere effetti diretti negativi sul fisico, subito visibili, provocando un aumento di peso che non si riesce a contenere.

Il lavoro è un luogo a rischio

Lo stress, ovvero “la risposta funzionale con cui il nostro organismo risponde ad uno stimolo più o meno violento (detto stressor) che può essere di diversa natura” colpisce sotto differenti forme. Il lavoro è senza alcun dubbio uno dei luoghi più stressanti per la maggior parte delle persone. A dimostrarlo sono stati i ricercatori delle Università di Goteborg e di Umeå in un articolo pubblicato sull’International Archives of Occupational and Environmental Health.

Le donne ingrassano di più

Il team di studiosi ha analizzato il cambiamento di peso di quasi 4mila persone nel corso di 20 anni in relazione alle tensioni e allo stress subiti in ambito lavorativo. Lo studio ha dimostrato che l’essere sottoposti a situazioni stressanti al lavoro porta più facilmente a ingrassare, soprattutto le donne. Non solo: si è osservato che le donne sotto stress lavorativo hanno aumentato il loro peso del 20% in più rispetto alle donne in una situazione più tranquilla.

Uno stato di squilibrio generale

Situazioni di stress portano ad un disequilibrio psico-fisico generale e spesso anche a stravolgimenti di ritmi e stili di vita. Quando si è sotto pressione tutto il corpo ne risente, come ad esempio l’equilibrio ormonale, il ritmo sonno-veglia (si dorme meno e male e questo porta a bruciare meno calorie) e aumenta anche il livello dello zucchero nel sangue.

L’insulina ne è responsabile

Lo stress lavorativo fa ingrassare perché, man mano che sale la tensione, aumenta nel sangue l’insulina, l’ormone che favorisce il deposito di grasso. I livelli di zucchero nel sangue aumentano quando si mangia ma, in una persona sana, tornano nella norma abbastanza rapidamente. Quando però si è molto stressati, impiegano anche tre ore per tornare ai livelli normali, cioè un tempo circa sei volte maggiore rispetto a quello necessario in condizioni di tranquillità.

 

 

 

DA SAPERE

SVANTAGGI NON SOLO PER LA LINEA

Secondo i ricercatori limitare lo stress lavorativo eviterebbe non solo di ingrassare, ma potrebbe anche ridurre il rischio di contrarre alcune patologie, come i problemi cardiovascolari, la pressione alta o il diabete.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti