L’olio di camelina aiuta a ridurre il colesterolo

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 27/02/2018 Aggiornato il 09/08/2018

Un nuovo studio finlandese conferma le proprietà naturali dell’olio di camelina che risulta in grado di ridurre i livelli di colesterolo nel sangue

L’olio di camelina aiuta a ridurre il colesterolo

Una ricerca dell’Università della Finlandia orientale, i cui risultati sono stati pubblicati su Molecular Nutrition & Food Research, ha analizzato le associazioni tra olio di camelina, pesce grasso e pesce magro con il metabolismo dei lipidi e del glucosio. Studi precedenti avevano già dimostrato, numerose volte, gli effetti benefici sui diversi fattori di rischio associati alle malattie cardiovascolari, delle proteine e degli acidi grassi Omega-3 a catena lunga (in particolare EPA e DHA) presenti nei pesci.

Gli effetti sorprendenti della camelina

La ricerca ha coinvolto 79 persone con alterato metabolismo dei livelli nel sangue di glucosio a digiuno che avevano tra i 43 e i 72 anni. I partecipanti sono stati divisi casualmente in 4 gruppi. A seconda del gruppo, i componenti sono stati istruiti a mangiare pesce grasso o magro quattro volte a settimana o a prendere una dose giornaliera di 30 ml di olio di camelina per 12 settimane. I ricercatori hanno scoperto che l’olio di camelina ha avuto un effetto positivo sui livelli di colesterolo nel sangue. Sorprendentemente nel gruppo “olio di camelina” le concentrazioni di colesterolo totale e colesterolo LDL sono state ridotte in misura maggiore rispetto ai gruppi “pesce grasso” e “pesce magro”.

Giù anche il colesterolo cattivo

Migliori risultati ci sono stati anche per quanto riguarda il miglioramento nei rapporti LDL-C/HDL-C (concentrazioni del colesterolo cattivo rispetto al buono). Non ci sono stati invece cambiamenti significativi nel metabolismo del glucosio. 

Una pianta antica

La camelina, conosciuta anche come “falso lino”, è una pianta delle Brassicacee, dunque della stessa famiglia della colza e della rapa. Nata tra Asia centrale ed Europa, è conosciuta dall’uomo fin dal Neolitico. L’olio di camelina è ricco di acido alfa-linolenico, un acido grasso Omega-3 a base vegetale. È usata come biocombustibile e, un tempo, per accendere le lampade.

 

 

 
 
 

Una curiosità

L’olio di camelina aiuta anche a eliminare le tossine dal fegato. Il valore nutrizionale come antiossidanti è più alto di quello degli oli di semi di lino e dei semi di chia. Sembra che l’olio di camelina aumenti anche la resistenza allo stress e all’ansia.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A letto da un mese per un distacco amniocoriale (eppure non serve, anzi)

01/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il riposo assoluto a letto in caso di "distacco" non solo è inutile per assicurare una buona evoluzione della gravidanza, ma può addirittura rivelarsi controproducente in quanto può aprire la strada al rischio di trombosi a livello degli arti inferiori.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti