Lombalgia: non trascurarla, sennò peggiora

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 04/05/2016 Aggiornato il 04/05/2016

Fino a 10 milioni gli episodi annuali di lombalgia. Non è un semplice sintomo: può essere un campanello d’allarme. Ecco tre segnali da non sottovalutare mai

Lombalgia: non trascurarla, sennò peggiora

La lombalgia è un sintomo diffuso e peggiora con l’età. In Europa e Nord America 8 persone su 10 ne hanno sofferto almeno una volta nella vita, costringendoli ad assentarsi dal lavoro o a rinunciare allo sport, agli hobby personali e ai passatempi in famiglia.

Incide pesantemente sulla qualità della vita

La situazione non migliora fuori dai confini italiani. Negli Stati Uniti, il mal di schiena è la causa più comune di assenza dal lavoro per le persone al di sotto dei 45 anni, la seconda ragione più frequente per le visite dal medico, la quinta per ammissione in ospedale e la terza causa più comune di procedure chirurgiche. Determina una media di 28,6 giorni di assenza per malattia ogni 100 lavoratori. In Gran Bretagna si registra una media di 32,6 giorni di malattia: il 4% dei malati cambia ogni anno lavoro per patologie della colonna vertebrale. Nei Paesi scandinavi la media di giorni di assenza è di 36 per 100 lavoratori.

Peggiora con l’età

La lombalgia è il primo stadio di una patologia degenerativa, legata al naturale invecchiamento della colonna vertebrale, dovuto al tempo che passa. Intervenire subito consente di adottare strategie terapeutiche conservative, atte a rallentare il declino delle strutture scheletriche, e consente un miglioramento quasi immediato dei sintomi. Se non si interviene prontamente, invece, con gli anni la situazione tende a peggiorare sempre di più e il disturbo diventa irreversibile.

Attenzione ai campanelli d’allarme

Siccome la lombalgia è un sintomo diffuso e peggiora con l’età, intervenire presto è importante affinché la situazione non degeneri. Il primo passo è riconoscere subito i sintomi e non trascurarli. Ecco i campanelli d’allarme: restare bloccato con un forte mal di schiena per uno-due giorni, avvertire un dolore che si estende alla gamba (significa che ha colpito il nervo sciatico: in questo caso si richiede un antidolorifico e l’intervento del medico il prima possibile), oppure dolori sordi che si acutizzano improvvisamente (in questo caso si tratta già di lombalgia cronica).

 

In breve

LA SITUAZIONE IN ITALIA

Secondo gli Istituti di medicina del lavoro, le patologie croniche del rachide (la colonna vertebrale) sono la prima ragione nelle richieste di parziale non idoneità al lavoro. Tra i 7 e i 10 milioni di italiani  annualmente hanno episodi di lombalgia, con una media di 3 giorni all’anno richiesti per il riposo, per un totale di 30 milioni di ore di lavoro perse.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti