Long Covid, sintomi alleviati con integratori di vitamina C e L-arginina

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 14/02/2022 Aggiornato il 14/02/2022

Se dopo la negativizzazione dal Coronavirus ci sentiamo ancora stanchi e ci capita di avere il fiato corto, la colpa può essere del Long Covid. Grazie all’assunzione di vitamina c e di L-arginina possiamo ridurre questi sintomi

Long Covid, sintomi alleviati con integratori di vitamina C e L-arginina

In molti pazienti il Covid-19 lascia strascichi anche dopo la negativizzazione. Tra i sintomi postumi più comuni ci sono la mancanza di energia e un respiro affannato. Un recente studio italiano, pubblicato su The Lancet, ha svelato come l’assunzione di vitamina C e dell’amminoacido L-arginina abbiano effetti significativi e aiutino i pazienti con Long Covid a limitare i sintomi, permettendo di recuperare forza e innalzando i livelli di resistenza.

Long covid e l-arginina

Tra gli effetti più gravi del Covid-19 ci sono quelli sui tessuti interni dei vasi sanguigni (endotelio). Una ricerca pubblicata sulla rivista The Lancet e condotta dai ricercatori dall’Ospedale Cotugno di Napoli, in collaborazione con l’Università Federico II di Napoli e la Albert Einstein University di New York, ha dimostrato come grazie l’assunzione dell’amminoacido L-arginina, che aiuta a proteggere l’endotelio, sia possibile allontanare il rischio di dover ricorrere alla ventilazione assistita, riducendo anche i giorni di degenza ospedaliera.

L’effetto di un integratore

Alle evidenze di questo studio, i ricercatori guidati dal direttore del Dipartimento di cardiologia e medicina interna dell’ospedale Triolo Zancla di Palermo, Giovanni Fazio, hanno aggiunto i risultati della loro ricerca, che svela come, assumendo per un periodo di 30 giorni un integratore alimentare a base di L-arginina e di vitamina C liposomiale, i pazienti alle prese con gli effetti del Long Covid riuscissero ad alleviare diverse sintomatologie.

Risultati importanti

In particolare, specie per soggetti senza altre patologie e di età compresa tra i 40 e i 50 anni, i ricercatori hanno registrato sensibili miglioramenti in termini di quantità di strada percorsa in sei minuti e capacità respiratoria lungo il tragitto, mostrando una normalizzazione dei parametri funzionali raccolti tramite test cardio-polmonare, che conferma l’azione di vitamina C e L-arginina sui fastidiosi sintomi del Long Covid.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Molti ospedali hanno iniziato a raccogliere dati sugli effetti di vitamina C e di L-arginina nei pazienti alle prese con Long Covid.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti