Longevità: le donne invecchiano peggio, specie in Italia

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 17/09/2021 Aggiornato il 17/09/2021

Le donne vivono più a lungo degli uomini, ma in condizioni peggiori. Soprattutto in Italia. Sono, infatti, più svantaggiate quando si tratta di longevità

Longevità: le donne invecchiano peggio, specie in Italia

Quella italiana è una delle popolazioni con una delle maggiori longevità al mondo. Vivere a lungo, però, non significa necessariamente vivere bene. Sono molte, infatti, le persone che con l’avanzare dell’età sviluppano problemi di salute. Soprattutto di genere femminile. Secondo un’analisi condotta da un gruppo di ricercatori statunitensi, della Columbia University, e pubblicata sulla rivista The Lancet Healthy Longevity, infatti, le donne italiane invecchiano peggio degli uomini.

Uno studio molto ampio

Lo studio, il primo di questo tipo mai realizzato, ha coinvolto 18 paesi dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse). Gli autori hanno esaminato i dati di ciascun stato con l’obiettivo di indagare meglio il tema della longevità e capire come la popolazione invecchia e quanto a lungo vive in media, sulla base di cinque indicatori: benessere e salute; produttività attraverso lavoro o volontariato; equità di risorse in denaro e istruzione; integrazione e sostegno sociale; sicurezza finanziaria e fisica.

Gli studiosi hanno attribuito un punteggio da 0 a 100 a ogni singolo fattore e poi hanno calcolato l’indice complessivo. Infine, hanno messo a confronto i punteggi ottenuti sia fra i paesi sia fra i generi.

La longevità cambia da genere a genere

L’analisi dei risultati ha confermato ciò che i ricercatori sanno già da tempo: uomini e donne invecchiano in maniera diversa. Gli uomini, mediamente, vivono meno nelle donne ma trascorrono gli ultimi anni della loro vita in condizioni di salute migliori. Soprattutto in Italia. Il nostro, infatti, è il Paese in cui il gap è maggiore.

A livello generale, gli uomini hanno ottenuto 9 punti in più rispetto alle donne. Nella nostra penisola, la differenza è stata di 12 punti: gli uomini, infatti, hanno totalizzato 51 punti, mentre le donne 39. Grande differenza anche nei Paesi Bassi (70 contro 55), in Austria (64 contro 51) e in Danimarca (70 contro 59).

A totalizzare i risultati migliori sono stati il Giappone e i paesi scandinavi, dove gli uomini hanno raggiunto almeno 66 punti e le donne almeno 55. Gli stati dell’Europa orientale e meridionale, invece, sono in fondo alla classifica.

Gli uomini sono favoriti rispetto alle donne

Secondo gli autori, le differenze di genere in termini di longevità non sono dovute solamente alla biologia e alla genetica. Anzi. La ragione principale è che gli uomini possono contare risorse e opportunità migliori per affrontare le sfide della terza età, compreso le malattie. Per questo, dicono i ricercatori, “c’è un urgente bisogno di sfidare i pregiudizi strutturali e politici che favoriscono gli uomini”.

 

Da sapere

I FATTORI CHE LA INFLUENZANO

La longevità è influenzata da tanti fattori. Anche lo stile di vita gioca un ruolo fondamentale in questo senso. Ecco perché è importante evitare i comportamenti a rischio, come fumare, mangiare male e muoversi poco.

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti