Ludopatia: italiani, un popolo di malati (gravi)

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 18/09/2018 Aggiornato il 18/09/2018

La dipendenza patologica riguarda ogni ceto sociale e sempre più i giovani: la ludopatia è ormai una vera piaga sociale

Ludopatia: italiani, un popolo di malati (gravi)

Non soltanto droghe, alcol e fumo; nella lista delle dipendenze patologiche, occupa un posto importante anche la ludopatia. Sempre più italiani sfidano la sorte con il gioco d’azzardo. Secondo i dati dei Monopoli di Stato, rielaborati dall’Associazione per lo studio del gioco d’azzardo, nel 2017 gli italiani hanno speso complessivamente tra slot machine, gratta e vinci e gaming online oltre 100 miliardi di euro. Un aumento del 6% rispetto al 2016 e del 142% rispetto al 2007.

Simile alla tossicodipendenza

Le persone affette da ludopatia appaiono spesso impulsive e disordinate. Mentre giocano, annullano tutto quello che hanno intorno, proprio come i tossicodipendenti. Rivelano scarsa sensibilità e altruismo, maggiore distacco sociale e preferenza per le ricompense materiali. Il giocatore patologico non riesce a separarsi dal gioco se non per brevi periodi di tempo: un comportamento compulsivo dettato anche dall’illusione di potersi rifare delle somme perdute. Quando tenta di ridurre o interrompere il gioco, manifesta uno stato di irrequietezza e irritabilità, tipico “fenomeno dell’astinenza”.

Una dipendenza trasversale

In Italia le persone che presentano forme di ludopatia sono circa 790.000. Di queste, il 50% è disoccupato. Ma il rischio si estende a ben 1.750.000 italiani. Non esiste un vero identikit del giocatore. Quella del gioco d’azzardo è una dipendenza trasversale che riguarda uomini, donne e giovani di ogni ceto sociale: dal disoccupato alla persona più abbiente. L’elevato livello di eccitazione raggiunto spinge il giocatore a trascurare tutto ciò che lo riguarda e lo circonda: famiglia, affetti e lavoro. Inoltre, spende somme di denaro sempre maggiori allo scopo di raggiungere lo stato di eccitazione desiderato. Perde, di conseguenza, la reale percezione del valore del denaro.

Sempre più vittime tra i giovani

Tra i giovani spesso il gioco d’azzardo viene considerato un’attività normale. Molti ragazzi vedono i loro genitori giocare abitualmente e così iniziano anche loro. In Italia il 58,1% dei ragazzi gioca d’azzardo e l’8% tra loro ha comportamenti problematici. Si abbassa anche l’età in cui i ragazzi iniziano a giocare: la fascia più a rischio è quella degli adolescenti.

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

I comuni con maggiore spesa pro-capite per il gioco d’azzardo sono al primo e secondo posto Prato e Olbia, al terzo posto Bolzano, seguiti poi da Piacenza, Rovigo, Sondrio, Frosinone e Alessandria.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti