Lupus: più colpite le donne

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 25/06/2015 Aggiornato il 25/06/2015

Il lupus è una malattia autoimmune che colpisce soprattutto il sesso femminile. Per evitare conseguenze importanti è essenziale la diagnosi precoce

Lupus: più colpite le donne

Nonostante si tratti di una malattia abbastanza diffusa, il lupus, il cui nome completo è lupus eritematoso sistemico, è poco conosciuto. Questo non fa che rallentare la diagnosi, quando invece la tempestività è fondamentale: scoprire la malattia per tempo e iniziare precocemente le cure significa, infatti, evitare conseguenze molto serie.

Gli uomini sono colpiti raramente

Il lupus eritematoso sistemico è una malattia reumatica infiammatoria autoimmune che colpisce in via quasi esclusiva il sesso femminile, soprattutto in giovane età. Il rapporto con il sesso maschile, infatti, è 9 a 1: per ogni uomo malato ci sono ben nove donne affette. Alla base della malattia c’è un funzionamento anomalo del sistema immunitario che, per cause ancora da chiarire, attacca componenti interne all’organismo.

Come si manifesta

Nella maggior parte dei casi il lupus esordisce in modo subdolo, con sintomi che fanno pensare a tutt’altro, come malessere generale, inappetenza, perdita di peso, febbre, gonfiore dei linfonodi, stanchezza, e dolori articolari. Nel tempo, però, compaiono anche disturbi più caratteristici. Innanzitutto, lesioni cutanee a forma di farfalla, che ricordano il morso di un lupo, di qui il nome. In genere, appaiono prima sul volto, estendendosi dalla radice del naso alle guance, poi sulle braccia e sul decolleté: le zone più esposte al sole. Poi, si notano lesioni e infiammazioni del tessuto connettivo, che sono responsabili dei dolori a livello muscolare e articolare in tutto il corpo. La malattia, specialmente se trascurata, può colpire anche reni, polmoni, cuore e sistema nervoso. In particolare, può portare a un deterioramento della funzionalità del rene, talvolta rendendo necessaria la dialisi.

Si può curare

Se colto precocemente, attraverso gli esami del sangue, il lupus può essere curato con farmaci di fondo e antinfiammatori, quasi sempre cortisone, che riduce l’infiammazione e al tempo stesso l’azione nociva del sistema immunitario. Da poco più di un anno è disponibile anche in Italia un anticorpo monoclonale (belimumab), che al momento sembra essere efficace. “Agisce sul controllo dei linfociti implicati nella potente reazione autoimmune che provoca danni agli organi e ai tessuti del corpo” ha affermato Amato De Paulis, docente di medicina interna e direttore della sezione delle malattie autoimmuni dell’Università Federico II di Napoli.

 

 

 
 
 

In breve

APPARTIENE ALLE MALATTIE REUMATICHE

Il lupus appartiene al gruppo delle malattie reumatiche, patologie infiammatorie croniche che colpiscono le articolazioni, provocando dolore, e che, se non trattate adeguatamente, finiscono con il coinvolgere altri apparati (cute, cuore, rene, polmone e sistema nervoso).

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti