Mal di testa e smartphone, confermato il legame

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 29/05/2020 Aggiornato il 29/05/2020

Le persone che utilizzano spesso lo smartphone hanno più probabilità di soffrire di mal di testa e, pur assumendo più farmaci e analgesici, faticano maggiormente ad alleviare il dolore

Mal di testa e smartphone, confermato il legame

Utilizzare troppo lo smartphone sembra avere implicazioni significative sul mal di testa. A rivelare questo legame è uno studio indiano  pubblicato sulla rivista Neurology Clinical Practice. I risultati evidenziano, infatti, come chi possieda e utilizzi con regolarità lo smartphone assuma più farmaci e fatichi maggiormente a liberarsi del mal di testa di chi usa il cellulare solo per le chiamate o non possieda proprio uno smartphone.

Mal di testa con aura e più analgesici

Lo studio, condotto tra giugno 2017 e dicembre 2018 su 400 pazienti affetti da cefalea primaria, mirava a determinare l’esistenza di una correlazione tra l’utilizzo dello smartphone e l’insorgere (e/o l’aumento) del mal di testa, oltre che a valutare eventuali differenze circa il fabbisogno di farmaci. Suddiviso tra chi utilizzava lo smartphone e chi no, il campione è stato sottoposto a un questionario per valutare le caratteristiche del mal di testa e i metodi di trattamento adottati.

I primi dati hanno evidenziato come le caratteristiche del mal di testa nei due gruppi fossero pressoché identiche. L’unica differenza era da ricercare in una maggiore presenza di aura nei possessori di smartphone, 17,5% contro il 7,7% dei non utilizzatori. La divisione si fa invece più marcata quando l’attenzione si concentra sulle modalità di cura. Infatti, i pazienti che utilizzano lo smartphone assumono più analgesici (95,6% contro 80,9%), ma ricavandone meno sollievo.

Necessari nuovi studi

Come sottolineato da Deepti Vibha dell’All India Institute of Medical Sciences di Nuova Delhi e tra le prime firme dello studio, i risultati del test suggeriscono come l’utilizzo dello smartphone possa essere un potenziale fattore per il peggioramento del mal di testa. Saranno però necessari ulteriori studi per scovare eventuali e, finora inesplorati, meccanismi che regolano la relazione tra smartphone ed emicrania.

La radice del problema resta dunque ancora tutta da chiarire. Le cause potrebbero derivare dalla postura del collo o dalla luminosità dello schermo dello smartphone, dall’affaticamento degli occhi o dallo stress che l’essere sempre connessi comporta. Solo i prossimi studi potranno fare maggior luce sul tema. Per ora, il suggerimento degli esperti è quello di usare in modo più consapevole lo smartphone, magari utilizzando di più il vivavoce.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Quella da smartphone è per molti sempre più una dipendenza. Esistono però alcuni semplici rimedi per disintossicarsi e sollevare finalmente lo sguardo dall’infinita (e spesso inutile) mole di informazioni, immagini e notizie proiettate dai piccoli schermi.

 

 

 

Fonti / Bibliografia

  • Smartphone use and primary headache | Neurology Clinical PracticeObjective To determine the association of smartphone use with occurrence of new-onset headache and/or increased severity of headaches in patients with primary headache.Methods In a cross-sectional study between June 2017 and December 2018, patients with primary headache were divided into 2 groups: smartphone users (SUs) and non-smartphone users (NSUs). A questionnaire was administered for headache characteristics and treatment taken. The primary objective was to determine the association of smartphone use with new-onset headache or increase severity. The secondary objective was to determine any differences in the requirement of acute medication and prophylaxis.Results Four hundred patients were included in the study, of which 194 were NSUs and 206 were SUs. The NSUs were older with lower education and socioeconomic status. The headache characteristics were similar in both the groups, except for higher occurrence of aura (NSUs: 15 [7.7%] vs SUs: 36 [17.5%]; p = 0.003) in the SU grou...
  • AIIMS - All India Institute Of Medical Science
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Dolicocefalia in bimbo di tre mesi: quali conseguenze?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Questo tipo di malformazione cranica comporta un problema quasi esclusivamente di natura estetica.   »

Fai la tua domanda agli specialisti