Malattie cardiovascolari e infarto: rischio numero uno per la salute delle donne

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 29/04/2019 Aggiornato il 29/04/2019

Le donne non sono meno a rischio degli uomini per quanto riguarda i problemi cardiovascolari e l’infarto ma hanno sintomi meno evidenti e quindi sono più difficili da riconoscere

Malattie cardiovascolari e infarto: rischio numero uno per la salute delle donne

Da un’indagine di Eikon Strategic Consulting su un campione rappresentativo della popolazione italiana tra i 40 e i 70 anni è emerso che, nell’immaginario collettivo, la salute del cuore è considerata un problema prettamente maschile.

Scarsa consapevolezza

In particolare, solo 2 donne su 10 sono consapevoli che la loro prima causa di morte è attribuibile a malattie cardiovascolari e infarto. 6 donne su 10 indicano il tumore, mentre il 74% ritiene che le malattie cardiovascolari siano un rischio solo per gli uomini. Lo pensano anche gli uomini: solo il 21% ritiene che malattie cardiovascolari e infarto siano un grave problema anche per le donne. In realtà, con un decesso ogni 10 minuti, le malattie cardiovascolari sono il killer numero 1 delle donne: ipertensione, fumo, diabete impattano maggiormente sul cuore femminile. Eppure quasi l’80% dei casi si potrebbe prevenire.

I rischi per le donne

Ciro Indolfi, presidente della Società italiana di cardiologia (Sic) sostiene l’importanza di diffondere tra le donne la consapevolezza del rischio cardiovascolare e di incoraggiare le più efficaci strategie terapeutiche. In particolare andrebbe resa nota la differenza dei sintomi dell’infarto che nelle donne sono spesso atipici. Il sintomo cruciale, il dolore toracico, è correttamente indicato da oltre il 70% degli intervistati, uomini e donne, ma meno della metà è in grado di riconoscere gli altri sintomi non specifici.

Sintomi diversi tra maschi e femmine

Nell’immaginario collettivo l’infarto si presenta con un forte dolore al petto che porta istintivamente a spingersi la mano con forza, seguito da dolore al braccio e perdita di sensi. Questa situazione, però, rappresenta prevalentemente i sintomi dell’infarto maschile. La sintomatologia femminile si distacca apertamente da quella maschile con eventi fisici spesso fraintendibili, più blandi e, quindi, poco riconoscibili. Il dolore al torace è sicuramente un campanello d’allarme da non trascurare, può presentarsi con sbalzi di pressione, fitte e fastidi, associati alla mancanza di respiro. La problematica però può evidenziarsi anche in modo blando senza dolore o fitte al petto o al braccio. Per esempio attraverso dolori diffusi lungo la schiena, che possono estendersi alla mandibola e alla bocca dello stomaco. Spesso compaiono anche nausea, stanchezza, senso di indigestione e vomito associabili ad altri disturbi. Riconoscere in modo giusto i segnali, però, è decisivo e rappresenta un vero e proprio salva-vita.

 

 

Da sapere!

In Italia si parla sempre più spesso di medicina di genere, tuttavia c’è ancora un’evidente carenza di informazione e formazione in particolare in ambito cardiovascolare.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Antipsicotico in gravidanza: come si scala?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di “La Redazione”

In nessun caso e per nessuna ragione si deve sospendere un antipsicotici o anche solo diminuirne la dose di propria iniziativa, ma sempre e solo su consiglio dello psichiatra che lo ha prescritto.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Coronavirus e bimbi in piscina: ci sono rischi?

13/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Una cosa è certa: il Sars-CoV-2 non nuota libero nell'acqua delle piscine, per cui i bambini possono fare i bagni in piena sicurezza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti