Malattie del cuore nelle donne: favorite da depressione e stress

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 08/11/2017 Aggiornato il 08/11/2017

Per le malattie del cuore femminile, oltre ai fattori di rischio tradizionali come l’ipertensione, conta tantissimo lo stress cronico e la depressione, tipici delle donne che aumentano la probabilità di ictus e infarto

Malattie del cuore nelle donne: favorite da depressione e stress

Mentre un tempo le malattie del cuore rappresentavano un problema soprattutto per gli uomini, oggi sono il primo motivo di mortalità e disabilità nelle donne dopo i 50 anni. Addirittura, le stime riguardo il decesso salgono al 55% per le donne, mentre colpiscono “solo” il 43% degli uomini. E a favorirle fattori finora poco considerati e sempre più femminili, come la depressione e lo stress.

La depressione, malattia rosa

I nuovi fattori di rischio che favorsiscono le malattie del cuore femminile sarebbero da ricondurre quindi a malattie “rosa”, come stress e depressione. I numeri sono sfavorevoli per le donne: quasi 3 milioni in Italia sono colpite da depressione, con una proporzionalità doppia rispetto agli uomini. 

Stress peggio del fumo

Oltre ai classici fattori di rischio di malattie del cuore, tra cui ipertensione arteriosa, fumo di tabacco, sovrappeso e diabete, ad aggravare il quadro sarebbe proprio lo stress cronico, un problema sempre più femminile. Altre ricerche confermano che lo stress reiterato nel tempo aumenta il rischio di infarto e ictus come, se non di più, il tabagismo e la pressione alta.

La medicina di genere serve a prevenire

Durante l’ultimo Congresso nazione di Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna, si è parlato della medicina di genere, cioè quella differenziata tra femminile e maschile. Uomini e donne hanno significative differenze genetiche e ormonali, soprattutto per quanto riguarda le malattie del cuore e le patologie cardio-cerebro-vascolari. A questo proposito sono fondamentali prevenzione e campagne di sensibilizzazione.

Ritardi diagnostici

Come afferma Francesca Merzagora, presidente Onda, “la salute delle donne in Italia è migliorata, ma talune patologie sono ancora molto impattanti: sul fronte della salute mentale la depressione nelle adolescenti e nelle giovani donne cresce a ritmi sostenuti, mentre il primo episodio depressivo in età avanzata è oggi considerato un prodromo di demenza. Le malattie cardio vascolari, prima causa di morte per le donne italiane, si accompagnano ancora aduna scarsa consapevolezza della popolazione femminile che comporta ritardi diagnostici e terapeutici”.

 

 

 
 
 

Da sapere

 

In Italia la depressione colpisce le donne con un rapporto 2:1 rispetto agli uomini

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A letto da un mese per un distacco amniocoriale (eppure non serve, anzi)

01/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il riposo assoluto a letto in caso di "distacco" non solo è inutile per assicurare una buona evoluzione della gravidanza, ma può addirittura rivelarsi controproducente in quanto può aprire la strada al rischio di trombosi a livello degli arti inferiori.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti