Malattie mentali: tecnologia chiamata in causa

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 26/06/2017 Aggiornato il 26/06/2017

La dipendenza da tecnologia rischia di assumere presto i contorni di una patologia vera e propria. L’aumento delle malattie mentali sembra essere correlato

Malattie mentali: tecnologia chiamata in causa

In occasione della XVIII edizione del Congresso mondiale di Psichiatria dinamica, coordinato in Italia da International Foundation Erich Fromm, si è cercato di fare il punto circa il rapporto delle persone con la tecnologia, la dipendenza e le malattie mentali che ne possono derivare. Il quadro emerso dal dibattito, che ha coinvolto 160 tra psichiatri e psicologie e visto la partecipazione di 500 partecipanti, non è dei più rosei.

Nomofobia e altri rischi

Che il mondo di oggi ruoti sempre più attorno alla tecnologia è un concetto scontato, sarebbe insensato fare dell’anacronismo e cercare di sostenere il contrario. La tecnologia tocca ormai ogni ambito della nostra vita: dal lavoro all’organizzazione di un viaggio, dalla comunicazione alla diffusione e fruizione delle notizie. La dipendenza da smartphone – la nomofobia – in particolare è già un problema, anche se molti fanno finta di ignorarlo. Il 60% degli esperti intervenuti al congresso è convinto che tutta questa tecnologia porterà, nel prossimo futuro, a nuove forme di dipendenza. Il dito è ovviamente puntato contro l’uso smodato di internet e degli smartphone, quasi certamente tra le principali cause dei futuri nuovi casi di disturbi neurocognitivi come la demenza e l’amnesia.

Le patologie più diffuse

Ma i problemi non si fermano qui, con tutta una serie di patologie e disturbi psicologici pronti a vedere incrementare la loro incidenza sulla popolazione. Anche in seguito alle dipendenze da tecnologia, internet e social, le forme delle malattie mentali assumeranno le sembianze di ansia, depressione, disturbi del sonno e dell’attenzione. I dati statistici parlano chiaro e corroborano le previsioni. Basti pensare che negli ultimi tre lustri tra le malattie più diffuse a livello mondiale ci sono depressione (59%), disturbi della personalità (23%) e ansia (18%).

La situazione in Italia

Nel nostro Paese la situazione è leggermente differente con una particolare forma di depressione, quella reattiva, a fare la parte del leone con il 60% di incidenza in tema di malattie cognitive. La depressione reattiva è caratterizzata da un cattivo stato d’animo con attacchi di panico e disturbi alimentari, tra cui l’anoressia. Questo tipo di problemi sembrerebbe avere un’incidenza maggiore nelle regioni italiane più ricche, con le persone che non riescono a rientrare in possesso della propria vita per il troppo lavoro e i ritmi elevati.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Disintossicarsi dalla dipendenza da smartphone e tecnologia è possibile. Il primo passo è rappresentato da una presa di coscienza della propria condizione. Da genitori è importante anche monitore il tempo che i più piccoli trascorrono in compagnia di smartphone e dispositivi elettronici.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Nonni che baciano sulla bocca il bambino: che grande sbaglio!

Il bacio sulla bocca è un gesto che appartiene al mondo degli adulti, quindi è sbagliato che i nonni se lo scambino con i nipotini. A maggior ragione se la mamma lo ha vietato.   »

Cosa deve mangiare a un anno di vita?

Le più recenti linee guida suggeriscono che dallo svezzamento in avanti il bambino dovrebbe mangiare gli stessi pasti del resto della famiglia.   »

Senza pannolino quant’è difficile!

Può capitare che i bambini non ancora abbastanza pronti per dire addio al pannolino, se vengono forzati all'uso del vasino inizino a ignorare lo stimolo a evacuare.   »

Fai la tua domanda agli specialisti