Malattie reumatiche: le donne ne soffrono di più

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 03/05/2017 Aggiornato il 03/05/2017

Le malattie reumatiche colpiscono maggiormente l’universo femminile, soprattutto in età fertile. Ecco perché

Malattie reumatiche: le donne ne soffrono di più

Spesso gli italiani, 1 su 3, associano le malattie reumatiche ai dolori alle ossa, come quelli dovuti al freddo, al cambio di stagione o all’umidità. In realtà le malattie reumatiche possono colpire alcuni organi interni, e non solo articolazioni e ossa. A soffrirne maggiormente sono soprattutto le donne, anche in giovane età.

Uno studio sui farmaci 

A sostenerlo sono i dati di un progetto multicentrico, che gli esperti dell’Istituto Superiore di Sanità e Società italiana di reumatologia stanno portando avanti, esaminando i farmaci associati alle terapie per le diverse patologie reumatiche, tra cui quelle autoimmuni.

Serve differenziarli per uomo e donna?

Il loro intento consiste nel monitorare da vicino la somministrazione farmacologica nelle donne e negli uomini con l’obiettivo di trovare una cura appropriata, una terapia diversa o un differente dosaggio del farmaco per l’uomo e per la donna. Angela Tincani, coordinatrice del gruppo, spiega che le malattie autoimmuni si manifestano in modo diverso a seconda dei sintomi, del decorso e della risposta alla terapia. Le donne infatti hanno un peso corporeo, uno stile di vita ed esigenze differenti rispetto agli uomini. Inoltre, tiroiditi, Sindrome di Sjogren e Lupus (LES) si presentano nelle donne anche 10 volte di più rispetto agli uomini.

Anche l’età conta

Le divergenze tra sesso maschile e femminile possono inoltre variare non solo a seconda della malattia reumatica, ma anche in base all’età. Il rapporto donna uomo in caso di artrite reumatoide infatti è di 3 a 1 intorno ai 50 anni, 2 a 1 tra i 55 e i 65 anni e di 1 a 3 dopo i 75 anni. Spontilite anchilosante e morbo di Paget invece prediligono soprattutto gli uomini.

Questione di ormoni

Le donne sarebbero più esposte alle malattie reumatiche per diversi fattori: genetici, biologici e ambientali. La presenza degli estrogeni, inoltre, gioca un ruolo fondamentale nella donna in quanto da un lato la rende più resistente alle infezioni, dall’altro più predisposta a malattie autoimmuni sempre di matrice reumatica. Altri fattori dipendono dal tipo di patologia, dallo stile di vita, dall’alimentazione e dalle abitudini personali. Ad esempio, una donna che impiega gran parte del tempo a casa è più esposta a muffe e acari, quindi ad antigeni che possono interferire sulla risposta immunitaria.

Sì alla gravidanza

Per anni si è continuato a credere che le donne con malattie reumatiche non potessero gestire una gravidanza e di conseguenza avere figli. I motivi per cui le pazienti affette da malattie autoimmuni hanno meno figli sono invece la paura di trasmettere la patologia al piccolo e che i farmaci possano provocare danni alla salute del bambino. In realtà anche le donne con patologie di questa natura possono rimanere incinte purché la gestazione sia tenuta sotto controllo e che i medici.

 

 
 
 

DA SAPERE

QUALE MIGLIORA NEI NOVE MESI

L’artrite reumatoide si attenua in gravidanza per via degli estrogeni e ricompare durante la menopausa, mentre il lupus si riacutizza durante la gestazione e si spegne in menopausa.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Problemi di linguaggio in bimbo di tre anni

21/10/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

A fronte di evidenti difficoltà di linguaggio, in un'età in cui ci si aspetta che il bambino sappia utilizzare un certo numero di parole e di frasi compiute, sono opportuni un controllo audiologico e una valutazione da parte del neuropsichiatra infantile.   »

Progesterone o aspirinetta in gravidanza?

12/10/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I due prodotti medicinali non sono incompatibili: se la condizione della futura mamma lo richiede si possono impiegare tutti e due.   »

Bimbo di sette anni che sfida continuamente la mamma

11/10/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si può permettere a un bambino di tenere sotto scacco i genitori, disobbedendo e facendo sempre e solo di testa propria. Contenerlo con dolce fermezza è la priorità assoluta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti