Mammografia: ogni quanto va fatta?

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 06/12/2016 Aggiornato il 06/12/2016

Ci sono donne che dovrebbero ripetere la mammografia ogni anno e altre ogni tre anni. Perché non esiste una frequenza ideale valida per tutte

Mammografia: ogni quanto va fatta?

In Italia, il programma di screening per la diagnosi precoce del tumore al seno, in quasi tutte le regioni, consente alle donne di età compresa tra i 50 e i 69 anni di effettuare una mammografia gratuita ogni due anni. In realtà, non c’è una frequenza ideale in assoluto: tutto dipende dalle condizioni di rischio e dalle caratteristiche di ogni donna. La conferma arriva da uno studio condotto da un team di ricercatori statunitensi, della University of Wisconsin-Madison, pubblicato dalla rivista Annals of Internal Medicine.

Lo studio americano

In un primo momento gli autori della ricerca hanno esaminato i dati disponibili sugli screening preventivi per il tumore alla mammella effettuati negli Stati Uniti. Poi, hanno esaminato i dati inerenti i falsi positivi dei test per la diagnosi di questa forma di cancro (risultati che all’apparenza sembrano indicare la presenza di un tumore, smentita dagli accertamenti successivi) e quelli relativi alla sopravvivenza delle donne, sane e malate. L’obiettivo era stimare la frequenza più efficace con cui eseguire i controlli, in particolare la mammografia.

Ogni tre anni se il rischio è basso

Dall’analisi dei dati, si è visto che le donne fra i 50 e i 74 anni senza particolari fattori di rischio per il tumore al seno possono tranquillamente sottoporsi alla mammografia ogni tre anni: questo intervallo riduce i falsi positivi e non aumenta la mortalità. Invece, le donne con un seno più denso e a più alto rischio dovrebbero fare un controllo annuale: nella casistica considerata, infatti, quelle che hanno eseguito la mammografia ogni anno hanno visto ridursi il rischio di morte.

Ideali i controlli “su misura”

Gli esperti hanno concluso che è importante non generalizzare: ogni caso andrebbe analizzato a sé. Solo dopo aver preso in considerazione la storia clinica personale e famigliare della singola donna si può suggerire l’intervallo di tempo più sicuro fra una mammografia e l’altra.

 

 

In breve

DA CHE ETA’

Nella maggior parte dei casi la mammografia viene eseguita a partire dai 40 anni, perché nelle donne giovani il rischio di malattia è minore (a meno che esistano specifici fattori di rischio) e le mammelle sono molto dense, per cui non sono ben analizzabili da questo esame.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimba di due anni e mezzo che graffia (e parla poco)
22/08/2019 Gli Specialisti Rispondono

Ogni bambino raggiunge le varie tappe evolutive secondo tempi personalissimi, quindi non tutti i bambini raggiungono i traguardi alla stessa età.  »

Ho usato un coltello sporco: rischio la toxoplasmosi?
19/08/2019 Gli Specialisti Rispondono

Se non si è immune alla toxoplasmosi, durante la gravidanza è sempre meglio non usare lo stesso coltello sia per sbucciare la frutta non lavata sia per affettarla.   »

Fibroma e gravidanza
05/08/2019 Gli Specialisti Rispondono

Ci sono fibromi che per collocazione e dimensione non interferiscono sulla possibilità di iniziare e portare a termine una gravidanza,  »

Fai la tua domanda agli specialisti