Mestruazioni dolorose? Prova la digitopressione

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 08/06/2018 Aggiornato il 01/08/2018

La digitopressione, una tecnica di origine cinese, può essere molto efficace nella riduzione dei sintomi associati alle mestruazioni dolorose. Ecco perché

Mestruazioni dolorose? Prova la digitopressione

Se per alcune donne le mestruazioni non comportano particolari fastidi, per altre sono talmente dolorose da impedire le normali attività. In questi casi, per migliorare la situazione, si potrebbe ricorrere all’agopressione (chiamata anche digitopressione), una tecnica derivata dalla medicina tradizionale cinese che si basa su pressioni e massaggi in specifiche zone del corpo e che avrebbe effetti anti-dolorifici, ottimi  quindi anche contro le mestruazioni dolorose. È quanto sostiene uno studio tedesco, condotto da un team di ricercatori della Charité – Universitätsmedizin Berlin, e pubblicato sulla rivista medica American Journal of Obstetrics and Gynecology.

Dismenorrea, un problema diffuso

Le mestruazioni dolorose, che in termini medici sono chiamate dismenorrea, rappresentano un disturbo piuttosto diffuso. In alcuni casi i dolori sono così intensi da costituire un ostacolo reale per la donna. Generalmente, i dolori che si associano al flusso mestruale compaiono al basso addome o alla zona lombare poco prima del mestruo e continuano p per tutta la sua durata. Spesso sono presenti anche altri disturbi: gastrointestinali (gonfiori addominali o nausea), mal di schiena, emicrania, ritenzione idrica, senso di pesantezza alle gambe, depressione e ansia.

Uno studio su oltre 200 donne

Lo studio ha coinvolto 211 donne, tutte con mestruazioni dolorose. Gli autori le hanno divise in due gruppi. Uno è stato istruito in modo dettagliato su come praticare la digitopressione prima e durante il flusso mestruale, ricorrendo anche all’ausilio di una particolare app chiamata Luna. L’altro è stato lasciato libero di agire come meglio credeva, per esempio prendendo farmaci antidolorifici, contraccettivi orali o rimedi naturali. Tutte sono state seguite per sei mesi e invitate a rispondere a dei questionari sui dolori e disturbi avvertiti, all’inizio, durante e alla fine della ricerca. Lo scopo era capire se la digitopressione fosse più efficace nel favorire una riduzione prolungata del dolore mestruale rispetto alle cure abituali.

Più efficace dei farmaci

Dall’analisi dei risultati è emerso che effettivamente la digitopressione può essere molto utile in caso di dismenorrea. Infatti, già dopo tre mesi, il 37% delle donne nel gruppo che vi aveva fatto ricorso ha dichiarato una riduzione del 50% dell’intensità del dolore. E dopo sei mesi, questa percentuale è salita al 58%. Nell’altro gruppo, invece, solo il 25% delle donne riportava benefici simili. Non solo: le donne che hanno praticato la digitopressione utilizzavano meno farmaci antidolorifici.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Alla base delle mestruazioni dolorose possono esserci una predisposizione costituzionale, malattie o anomalie dell’utero (come problemi infiammatori, endometriosi), forte stress, ansia.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fimosi del prepuzio in bimbo di sei anni: che fare?

15/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Se la pelle che ricopre il glande è serrata, è opportuno che il bambino impari, dopo il bagno o la doccia, a tirarla dolcemente all'indietro, fermandosi quando avverte dolore. La manovra, se effettuata regolarmente con mano leggera, può servire.   »

Streptococco B: quale cura?

01/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Lo streptococco B individuato in vagina non va curato in modo specifico. Solo al momento del parto rende opportuna la profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti