Nei a rischio melanoma: come scoprirli

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 27/02/2017 Aggiornato il 27/02/2017

Il gene p15 è il biomarcatore in grado di individuare i nei a rischio per la salute e prevenire l’insorgere di tumori maligni come il melanoma

Nei a rischio melanoma: come scoprirli

Uno studio della Pennsylvania ha identificato un biomarcatore per identificare i nei a rischio, che un giorno potrebbero essere pericolosi per la salute trasformandosi in melanomi, tumori maligni particolarmente aggressivi. Secondo la ricerca effettuata dalla Perelman School of Medicine dell’Università della Pennsylvania e pubblicata sull’American Journal of Patology, si tratta del gene p15: minore è l’espressione del gene all’interno delle cellule del neo, maggiore sarà il rischio che questo diventi un melanoma. Considerato che nel 30-40% dei casi i tumori maligni vengono associati a un neo, il ruolo di questo biomarcatore sarebbe dunque quello di inibire la proliferazione delle cellule dei nei.

Come si è svolta la ricerca

Gli studiosi hanno colorato nei e tumori con anticorpi p15 e p16, dopodiché ne hanno studiato l’intensità della colorazione per stabilire un punteggio a livello di proteine all’interno delle cellule. Dal test è emerso che se la colorazione è alta si tratta di un neo benigno, se invece è bassa significa che nella zona circoscritta è presente un neo maligno. Gli scienziati sperano che questo biomarcatore possa aiutare i medici ad individuare più facilmente i nei a rischio e che possa essere applicato nel giro di 2 anni.

Gli aspetti da osservare

Per identificare i nei a rischio si prendono in considerazione una serie di caratteristiche estetiche che vengono riassunte nella sigla “ABCDE”: A per asimmetria, B per bordi irregolari, C per colore, D per dimensioni ed E per evoluzione del neo nel corso del tempo. Quali sono dunque i primi campanelli d’allarme? Solitamente un neo benigno possiede una forma circolare e tondeggiante mentre quella di un neo maligno (il melanoma) è più irregolare. Altre avvisaglie possono essere: un neo sanguinante, arrossato, che presenta un nodulo o che dà prurito.

 

 
 
 

lo sapevi che?

Le persone con una carnagione chiara e molti nei sono più predisposte a melanomi. La prima forma di prevenzione contro i tumori maligni è quella di tenere sotto controllo l’evoluzione dei nei, soprattutto nella forma e nel colore, e di utilizzare sempre una protezione solare.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Risvegli notturni dopo mesi di sonno tranquillo

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Può capitare che a nove mesi inizino i risvegli notturni: possono esserne corresponsabili l'ansia da separazione e la dentizione.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti