Nicturia? Potrebbe nascondere ipertensione

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 23/05/2019 Aggiornato il 23/05/2019

Alzarsi spesso dal letto durante la notte per andare in bagno potrebbe rappresentare un campanello d’allarme per l'ipertensione. Per contrastare la nicturia è consigliabile ridurre il sale nella dieta

Nicturia? Potrebbe nascondere ipertensione

La nicturia è il bisogno ripetuto di andare in bagno durante la notte. Come evidenziato dai ricercatori giapponesi del Tohoku Rosai Hospital di Sendai, dietro alla necessità di urinare spesso di notte potrebbero nascondersi problemi di ipertensione o un eccesso di liquidi nell’organismo. In caso di nicturia, Satoshi Konno, prima firma della ricerca, suggerisce di ridurre il sale nella dieta e di rivolgersi al medico per un semplice controllo della pressione.

Un problema frequente

Lo studio ha preso in esame circa 1.900 giapponesi, cui è stata misurata la pressione e fatto compilare un questionario sul tema della nicturia. Dai risultati è emerso come ben il 69% dei soggetti (1.295) ne soffrisse a livelli più o meno cronici. Emerso poi un legame con l’ipertensione, condizione spesso associata al bisogno di andare in bagno almeno una o due volte per notte.

Servono altri approfondimenti

Dalla ricerca è emerso che chi si alza durante la notte per andare in bagno ha una probabilità del 40% più elevata di soffrire di ipertensione. Dati che restano però ancora teorici perché, seppur abbastanza chiaro, quanto emerso dalla studio non dimostra con certezza la relazione tra nicturia e ipertensione. In ogni caso i ricercatori suggeriscono di tenere sempre sotto controllo i livelli di pressione e di fare particolarmente attenzione quando le sortite notturne al bagno iniziano a presentarsi con una certa regolarità. Ridurre il sale nella dieta, infine, non può che aiutare a moderare il rischio di ipertensione.

 

 

Da sapere!

Sono ora necessari altri approfondimenti per valutare i responsi su popolazioni diverse.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti