Obesità raddoppia il rischio di soffrire di emicrania

Pamela Franzisi A cura di Pamela Franzisi Pubblicato il 25/02/2021 Aggiornato il 25/02/2021

Secondo un recente studio dell’Università di Oslo anche il grasso addominale in chi è in sovrappeso o è affetto da obesità può aumentare il rischio di soffrire di emicrania. Ecco perché

Obesità raddoppia il rischio di soffrire di emicrania

Il sovrappeso e il grasso addominale in particolare possono essere correlati al mal di testa. L’obesità potrebbe quasi raddoppiare il rischio di soffrire di emicrania.

A queste conclusioni è giunto uno studio pubblicato su The journal of Headache and Pain e condotto presso la Division of clinical neuroscience, dell’Università ospedaliera di Oslo.

Lo studio su oltre 30.000 persone

La ricerca ha interessato 33.176 adulti, di cui 4290 (il 12,9%) soffrivano di emicrania, 4447(13,4%) di cefalea tensiva, 24.439 non soffrivano di mal di testa ricorrenti. È emerso che l’obesità è associata a un rischio del 45% maggiore di emicrania con e senza aura e all’aumentare del peso aumenta anche il rischio. Il semplice sovrappeso, invece, è risultato associato a un rischio tra il 15 ed il 25% maggiore di soffrire di emicrania. Nello specifico, è il grasso addominale il principale responsabile dell’aumento del rischio di emicrania. Stiamo parlando del 29%, con un’impennata dell’89% negli under 50. La cefalea tensiva, invece, non è stata correlata a sovrappeso e obesità. Devono essere, comunque, approfondite, con ulteriori studi le dinamiche biologiche alla base della relazione tra grasso ad emicrania. Secondo gli esperti potrebbe trattarsi di processi infiammatori che influenzano il sistema nervoso.  

A rischio soprattutto le donne

Secondo un approfondimento dell’Istituto superiore di sanità (Iss), il 27% delle donne italiane soffre di cefalea. Il disturbo influisce negativamente sulla qualità della vita, causando anche fastidi correlati come nausea, mal di stomaco, sensazione di stordimento.  Gli estrogeni (ormoni femminili) potrebbero esserne la causa. Spesso, infatti, gli attacchi di mal di testa si presentano in età fertile seguendo le variazioni mensili del livello degli ormoni.

 

 
 
 

Da sapere!

L’obesità è una malattia piuttosto complessa, spesso collegata ad asma e ad altre malattie a carico del cuore e dei vasi. L’attività fisica, unita ad una dieta personalizzata sono fondamentali per affrontarla. In ogni caso, occorre il supporto di uno specialista.

 

Fonti / Bibliografia

  • Migraine, obesity and body fat distribution – a population-based study | The Journal of Headache and Pain | Full TextObesity has been linked to an increased prevalence of migraine, and to increased migraine attack frequency, but several questions are left unanswered by previous studies. We examined the relationship between obesity and headache in a large, population-based study where we could take into account body fat distribution, migraine subtypes and tension-type headache. The third population-based Nord-Trøndelag Health Study (HUNT3) included validated headache questionnaires and objective anthropometric measurements. Using a cross-sectional design, our sample consisted of 18,191 women and 14,985 men, aged 19 to 96 years. Of these 4290 (12.9%) had migraine, 4447 (13.4%) had frequent tension-type headache (TTH), and 24,439 were headache-free controls. A total of 5049 individuals with unclassified headache were excluded from the analyses. Using logistic regression, we modeled the association between obesity and headache prevalence, adjusting for relevant confounders. Both total body obe...
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccini tetravalente ed esavalente e possibili effetti indesiderati

06/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Qualsiasi vaccino dà luogo a effetti indesiderati che comunque sono molto meno gravi di quanto potrebbero essere le conseguenze della malattia contro cui vengono effettuati.  »

Bimbo che vuole mangiare solo pochi alimenti

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Occorre stare molto attenti a non trasformare l'ora dei pasti in un momento in cui il bambino tiene in pugno tutta la famiglia e il modo migliore per evitarlo, favorendo un rapporto sereno con il cibo, è mostrare indifferenza se rifiuta una cibo e zero esultanza se, invece, lo mangia.   »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti