Obesità: si conferma fattore di rischio per il Covid-19

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 16/03/2021 Aggiornato il 16/03/2021

Le persone che soffrono di obesità hanno un rischio maggiore di sviluppare una forma seria di Covid-19 e di finire in terapia intensiva. Ecco perché

Il Covid-19 non rappresenta una minaccia particolarmente seria solo per le persone che soffrono di malattie cardiache e respiratorie. Anche gli obesi sono considerati pazienti fragili da questo punto di vista. A confermarlo è anche uno studio italiano, promosso e coordinato dal Centro di Chirurgia Bariatrica dell’Azienda ospedaliero-universitaria di Parma, in collaborazione con i Centri di Piacenza, Reggio Emilia, Modena e Bologna, e pubblicato sulla rivista Obesity Surgery.

Lo studio su grandi obesi

Lo studio ha riguardato complessivamente 600 soggetti obesi. Alcuni di loro, in realtà, erano ex obesi o comunque avevano perso parte del loro peso poiché erano stati sottoposti già da almeno 12 mesi a chirurgia bariatrica, ossia a uno degli interventi chirurgici che vengono utilizzati per trattare l’obesità. Gli altri, invece, erano in attesa di essere operati. Gli autori hanno monitorato le loro condizioni di salute, per verificare la comparsa di Covid-19.

La chirurgia bariatrica svolge un ruolo protettivo

Dall’analisi dei dati raccolti, è emerso che i pazienti non ancora operati per trattare l’obesità che hanno contratto il Covid-19 hanno avuto sintomi più seri di quelli operati. E, infatti, nel primo gruppo si è registrato un maggior tasso di ricovero ospedaliero e un maggior ricorso alla terapia intensiva rispetto al secondo gruppo. Gli studiosi hanno quindi concluso che l’obesità è una condizione che peggiora la prognosi nelle persone che contraggono il nuovo Coronavirus.

L’obesità complica le cose

“Lo studio è nato nel momento di massima virulenza del virus, con l’obiettivo di valutare se la chirurgia dell’obesità, già protettiva per le patologie correlate, lo fosse anche nei confronti dell’infezione da Covid-19” hanno spiegato gli autori. Quanto scoperto conferma l’ipotesi iniziale degli esperti. “La correzione chirurgica dell’obesità si conferma una misura di prevenzione primaria fondamentale anche per Covid e per le epidemie virali respiratorie”. Indirettamente, questa ricerca conferma che l’obesità rappresenta un fattore di rischio anche per il Covid-19.

Purtroppo, in questi mesi l’attività dei centri di chirurgia bariatrica ha subito dei rallentamenti. Tuttavia, anche alla luce di questi dati, è fondamentale non rimandare il trattamento dell’obesità.

 

 

 
 
 

Da sapere!

 

Il nuovo studio dimostra che l’obesità è uno dei fattori di rischio per il Covid-19, oltre che per molte altre malattie, come diabete, sindrome metabolica, problemi ossei, difficoltà di deambulazione.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccini tetravalente ed esavalente e possibili effetti indesiderati

06/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Qualsiasi vaccino dà luogo a effetti indesiderati che comunque sono molto meno gravi di quanto potrebbero essere le conseguenze della malattia contro cui vengono effettuati.  »

Bimbo che vuole mangiare solo pochi alimenti

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Occorre stare molto attenti a non trasformare l'ora dei pasti in un momento in cui il bambino tiene in pugno tutta la famiglia e il modo migliore per evitarlo, favorendo un rapporto sereno con il cibo, è mostrare indifferenza se rifiuta una cibo e zero esultanza se, invece, lo mangia.   »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti