Omeopatia: non è vero che ai medici non piace

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 16/08/2019 Aggiornato il 16/08/2019

In Italia molti medici prescrivono l’omeopatia e molte persone usano i rimedi omeopatici al posto o in associazione ai farmaci tradizionali

Omeopatia: non è vero che ai medici non piace

Chi l’ha detto che il mondo della medicina è contrario all’omeopatia? Nonostante una parte della comunità scientifica sia molto scettica sulla reale efficacia e utilità dell’omeopatia, in Italia molte famiglie e anche molti medici e pediatri apprezzano questa medicina naturale e, quando possono, la scelgono in alternativa o in associazione a quella tradizionale. La conferma arriva da un’indagine condotta da EMG-Acqua per Omeoimprese, l’associazione delle aziende che in Italia producono e distribuiscono farmaci omeopatici, secondo cui un quinto dei medici di famiglia prescrive farmaci omeopatici e nove milioni di italiani li usano.

Gli ultimi dati

Stando all’indagine, il 41% dei medici, il 37% dei farmacisti, il 28% degli opinion leader medico-scientifici non nutrono preconcetti o manifestano pregiudizi nei riguardi dell’omeopatia. Non solo: il 44% fra medici e farmacisti ritiene particolarmente utili i medicinali omeopatici. E la quasi totalità degli intervistati (96%) non li trova dannosi. Solo il 14% tra medici e farmacisti si rifiuterebbe di prescriverli, mentre un medico su cinque li prescrive ai suoi pazienti. Per curare che cosa? Principalmente raffreddori e influenze (54%), problemi all’apparato respiratorio (33%), insonnia (27%), dolori articolari o muscolari (13%).

Servono più informazioni

Molti medici e farmacisti però vorrebbero più informazioni su utilizzo, efficacia e posologia. Al momento, infatti, in Italia, per legge non è possibile inserire le indicazioni terapeutiche e la posologia dei medicinali omeopatici né sul loro packaging né sul foglietto illustrativo. “Il messaggio alle aziende e soprattutto alle istituzioni sanitarie e al ministro della Salute è molto chiaro: la strada da intraprendere è quella di un lavoro congiunto per regolamentare, anche in Italia, tutti quegli aspetti che ancora oggi risultano non definiti. Mi riferisco, per esempio, al tema dell’inserimento del foglietto illustrativo con posologia nelle confezioni e una maggiore presenza del Ministero in una corretta e trasparente comunicazione” spiega il presidente di Omeoimprese, Giovanni Gorga.

Che cos’è

L’omeopatia, un tempo definita medicina “alternativa”, oggi “complementare”, è un metodo terapeutico basato sul cosiddetto “principio di similitudine”: in pratica, secondo il suo fondatore (il medico tedesco Samuel Christian Hahnemann), la sostanza che a certe dosi provoca un particolare sintomo in una persona sana, se viene diluita secondo una particolare preparazione e somministrata a diverse diluizioni, è in grado di curare quello stesso disturbo in un soggetto malato. Si avvale di medicinali prodotti a partire da materie prima di provenienza vegetale, animale o minerale, sottoposte a determinate diluizioni e dinamizzazioni.

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

L’omeopatia è efficace anche nell’infanzia. Anzi, secondo l’esperienza di molti esperti, i bambini rispondono alla cura omeopatica in maniera particolarmente significativa, probabilmente perché il loro sistema immunitario è più reattivo.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti