Omeopatia: vi ricorrono sempre più donne

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 07/11/2013 Aggiornato il 07/11/2013

Il 70% delle donne ha avuto un’esperienza positiva con l’omeopatia. Ma 4 su 5 si ritengono poco informate. Ecco i risultati di una nuova ricerca italiana

Omeopatia: vi ricorrono sempre più donne

L’omeopatia è una medicina che piace sempre di più alle donne. Lo conferma una ricerca fatta da Onda, l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna, che ha studiato appunto il rapporto tra donne e omeopatia.

Se la si prova, non si torna indietro

Il 70% delle donne intervistate ha dichiarato non solo di aver acquistato un prodotto omeopatico, ma anche di esserne rimasta molto soddisfatta. Dalla ricerca risulta che solo il 4% delle donne che si è affidata all’omeopatia non vi ricorrerebbe più.

Per combattere influenza, insonnia e allergia

“Le donne che acquistano i medicinali omeopatici” spiega Francesca Merzagora, presidente di Onda “considerati essenzialmente prodotti naturali, lo fanno principalmente per se stesse e su consiglio di una figura medica o del farmacista. I medicinali omeopatici sono percepiti come un’opportunità terapeutica nel trattamento di numerose patologie quali influenza, disturbi del sonno e allergie stagionali”. I medicinali vengono acquistati per il 60% per se stesse e per il 30% per i propri figli.

Carenza di informazioni

“Come azienda leader mondiale nella produzione di medicinali omeopatici” commenta Silvia Nencioni, presidente e amministratore delegato di Boiron Italia “questi dati ci incoraggiano a proseguire nel nostro impegno nei confronti delle donne, rispondendo sempre meglio alle loro aspettative ed esigenze. In primis c’è quella di trovare indicazioni terapeutiche e posologia sul foglietto illustrativo delle specialità omeopatiche, informazioni che, fino ad oggi, in Italia non è possibile riportare. Su questo aspetto i risultati dell’indagine parlano chiaro: ben l’83% delle donne che utilizzano medicinali omeopatici, infatti, ritiene importante avere queste informazioni per poterli usare in maniera corretta e sicura”.

In breve

IL SIMILE CURA IL SIMILE

Su che cosa si base l’omeopatia? Lo spiega bene Stefania Piloni, ginecologa ed esperta di medicine naturali: “È un metodo diagnostico e terapeutico basato sulla ‘Legge dei Simili’: una sostanza che a dose concentrata provoca alcuni sintomi potrà, a dose molto diluita, curarli. Per individuare il livello di analogia il medico compie una raccolta di dati molto dettagliata, che parte dalla classica anamnesi medica e poi si allarga per definire il temperamento del paziente, il suo grado di reattività alla patologia, la sua emotività, l’atteggiamento”.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti