Oppiacei e antidepressivi: allarme rosso

Patrizia Masini A cura di Patrizia Masini Pubblicato il 17/09/2019 Aggiornato il 18/09/2019

Negli Stati Uniti il consumo di oppiacei e antidepressivi è quadruplicato in vent'anni e così i morti per overdose. E anche in Italia non siamo messi tanto meglio...

Oppiacei e antidepressivi: allarme rosso

Il consumo di oppiacei e antidepressivi negli Stati Uniti è ormai fuori controllo. Quadruplicati anche i decessi per overdose. I dati degli ultimi vent’anni parlano chiaro: dal 1999 a oggi il numero di prescrizioni di farmaci oppiacei e antidepressivi sono quadruplicati e così le morti per overdose.

Senza ricetta del medico

Se poi si considera che le morti provocate da una tra le droghe più abusate negli ultimi anni dello scorso millennio – l’eroina – sono oggi praticamente prossime allo zero, i confini del problema assumono ben presto una terribile e ben delineata fisionomia. Nel solo 2015 i Centers for Disease Control and Prevention hanno registrato 55mila decessi per overdose da droghe. Di questi, ben 33mila sono riconducibili al consumo di oppiacei e antidepressivi, di cui poco meno della metà sotto prescrizione medica.

Un problema trasversale

Nel 2016 la percentuale di morti per overdose ha fatto registrare un ulteriore +19%, e i dati relativi al 2017 confermano questo trend. Nonostante la sempre maggiore attenzione a riguardo, infatti, il problema è più vivo che mai e colpisce la popolazione in maniera trasversale, indipendentemente dalla condizione sociale. Sotto accusa è il Fentanyl, un analgesico oppioide di origine sintetica che, secondo le stime, potrebbe aver causato la morte di quasi 4mila persone nel solo 2016, con uno sconcertante +600% di morti riferite al suo consumo.

Emergenza nazionale

Considerando che dal 2000 le morti per overdose da oppiacei e antidepressivi sono state 180.000, l’impennata degli ultimi anni rappresenta un piaga enorme. Preoccupazione è stata espressa anche dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump che ha definito il problema derivato dal consumo di oppiacei come una vera e propria emergenza nazionale. Emergenza che richiederà sforzi e fondi per essere debellata. L’unica soluzione, per ora, pare essere quella di consentire ai governi dei vari Stati di permettere un accesso più semplice a farmaci – come il naxolone – capaci di invertire l’effetto overdose.

 

 

Da sapere!

Le autorità sanitarie degli Stati Uniti stimano in circa due milioni la cifra di cittadini americani con dipendenza da oppiacei e antidepressivi.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti