Oppiacei e antidepressivi: allarme rosso

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 05/10/2017 Aggiornato il 05/10/2017

Il consumo di oppiacei e antidepressivi negli Stati Uniti è ormai fuori controllo. Quadruplicati i decessi per overdose

Oppiacei e antidepressivi: allarme rosso

I dati raccolti negli ultimi vent’anni parlano chiaro: dal 1999 a oggi il numero di decessi per overdose da droghe sono quadruplicate, al pari delle prescrizioni di farmaci oppiacei e antidepressivi.

Senza ricetta del medico

Se poi si considera che le morti provocate da una tra le droghe più abusate negli ultimi anni dello scorso millennio – l’eroina – sono oggi praticamente prossime allo zero, i confini del problema assumono ben presto una terribile e ben delineata fisionomia. Nel solo 2015 i Centers for Disease Control and Prevention hanno registrato 55mila decessi per overdose da droghe. Di questi, ben 33mila sono riconducibili al consumo di oppiacei e antidepressivi, di cui poco meno della metà sotto prescrizione medica.

Un problema trasversale

Nel 2016 la percentuale di morti per overdose ha fatto registrare un ulteriore +19%, e i dati relativi al 2017 confermano questo trend. Nonostante la sempre maggiore attenzione a riguardo, infatti, il problema è più vivo che mai e colpisce la popolazione in maniera trasversale, indipendentemente dalla condizione sociale. Sotto accusa è il Fentanyl, un analgesico oppioide di origine sintetica che, secondo le stime, potrebbe aver causato la morte di quasi 4mila persone nel solo 2016, con uno sconcertante +600% di morti riferite al suo consumo.

Emergenza nazionale

Considerando che dal 2000 le morti per overdose da oppiacei e antidepressivi sono state 180.000, l’impennata degli ultimi anni rappresenta un piaga enorme. Preoccupazione è stata espressa anche dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump che ha definito il problema derivato dal consumo di oppiacei come una vera e propria emergenza nazionale. Emergenza che richiederà sforzi e fondi per essere debellata. L’unica soluzione, per ora, pare essere quella di consentire ai governi dei vari Stati di permettere un accesso più semplice a farmaci – come il naxolone – capaci di invertire l’effetto overdose.

 

 

Da sapere!

Le autorità sanitarie degli Stati Uniti stimano in circa due milioni la cifra di cittadini americani con dipendenza da oppiacei e antidepressivi.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimba di due anni e mezzo che graffia (e parla poco)
22/08/2019 Gli Specialisti Rispondono

Ogni bambino raggiunge le varie tappe evolutive secondo tempi personalissimi, quindi non tutti i bambini raggiungono i traguardi alla stessa età.  »

Ho usato un coltello sporco: rischio la toxoplasmosi?
19/08/2019 Gli Specialisti Rispondono

Se non si è immune alla toxoplasmosi, durante la gravidanza è sempre meglio non usare lo stesso coltello sia per sbucciare la frutta non lavata sia per affettarla.   »

Fibroma e gravidanza
05/08/2019 Gli Specialisti Rispondono

Ci sono fibromi che per collocazione e dimensione non interferiscono sulla possibilità di iniziare e portare a termine una gravidanza,  »

Fai la tua domanda agli specialisti