Parodontite: i danni del fumo sulle gengive

Luciana Pellegrino A cura di Luciana Pellegrino Pubblicato il 17/12/2018 Aggiornato il 17/12/2018

Non solo di salute, ma anche economici. Più sigarette aumentano la necessità (e i costi) di cure per la parodontite

Parodontite: i danni del fumo sulle gengive

Il vizio del fumo aumenta i costi per curare le gengive e il rischio di aggravare la parodontite rendendo le cure dentistiche più care e forse anche meno efficaci. Uno studio iniziato nel 2014 presso la Queen’s University di Belfast ha messo a confronto i soldi spesi per le sigarette e quelli per curare la parodontite, sottolineando che qualora si smettesse di fumare, la spesa risparmiata per acquistare le sigarette coprirebbe i costi per il trattamento della parodondite. Luca Landi, presidente SIdP (Società Italiana di Parodontologia e Implantologia), spiega che curare le gengive prima che sia troppo tardi è molto più conveniente che curare la parodontite in fase avanzata.

Soldi in fumo

Si è stimato che un fumatore incallito che fuma dalle 20 alle 40 sigarette al giorno, anche se va periodicamente dal dentista, ha un aumento dell’8,8% dei costi delle spese totali per curare la parodontite. Le spese salgono al 40% per i pazienti fumatori che hanno bisogno di una visita in più all’anno e di oltre il 71% per coloro che necessitano di due visite in più all’anno oltre che a un trattamento completo per la parodontite. Gli studiosi hanno inoltre stimato che i soggetti che fumano dalle 10 alle 40 sigarette al giorno spendono 18 volte di più rispetto a quanto avrebbero speso per una cura parodontale, mentre chi fuma 40 sigarette al giorno solo per circa 3 anni e mezzo dovrà sostenere cure dentistiche a vita per curare la parodontite.

I danni alle gengive

A livello del cavo orale il fumo accelera la parodontite con una progressiva perdita dell’osso intorno ai denti e rischio di caduta. Il fumo inoltre crea vasocostrizione, riducendo il flusso sanguigno alle gengive e aggravando così la malattia parodontale, oltre a rilasciare sostanze tossiche che riducono le difese immunitarie e favoriscono la proliferazione dei batteri patogeni all’interno della bocca.

 

 

Da sapere!

La parodontite, o piorrea, è una malattia progressiva che, se non curata, porta alla distruzione dei tessuti e di conseguenza alla perdita dei denti.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa: si può fare qualcosa per farla risalire?

27/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Con il passare delle settimane e l'aumento di dimensione dell'utero la placenta tende a spostarsi verso il fondo dell'utero in modo spontaneo, senza che vi sia bisogno di fare nulla per favorire la sua "migrazione".   »

Bimbo di tre anni che colora fuori dai bordi

23/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

E' normale che a tre anni il bambino non riesca ancora a colorare una sagoma senza uscire dai bordi, quindi insistere affinché lo faccia rappresenta solo un'inutile forzatura.   »

L’uso del cellulare è nocivo in gravidanza?

13/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Durante la gestazione, è davvero poco probabile, anzi si può quasi escludere, che l'utilizzo del telefonino possa avere ripercussioni negative sul bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti