Per non ammalarsi basta… lavarsi le mani

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 16/09/2015 Aggiornato il 16/09/2015

Un gesto semplice ma spesso trascurato, come lavarsi le mani più volte nell’arco della giornata, protegge dalle malattie da raffreddamento e non solo

Per non ammalarsi basta… lavarsi le mani

Si tratta di uno degli insegnamenti base che tutti i genitori cercano di dare ai propri figli non appena iniziano a essere minimamente indipendenti. Ma anche una delle buone abitudini che molti tendono a disimparare con il passare degli anni. Se con i bambini si tende a insistere affinché si lavino sempre le mani prima di mangiare e dopo aver giocato, infatti, da adulti spesso si trascura questo gesto, considerandolo poco importante. Invece, non è affatto così. Si tratta, anzi, di una delle armi più potenti nella lotta alla prevenzione. L’ultima conferma arriva da un recente studio condotto da un team di ricercatori britannici, dell’Università di Southampton, pubblicato sulla rivista scientifica Lancet.

Uno studio su oltre 20 mila persone

La ricerca ha riguardato oltre 20 mila persone. Tutte sono state seguite da gennaio 2011 a marzo 2013. Metà ha avuto libero accesso a un sito internet ad hoc, in cui erano presenti informazioni, consigli e suggerimenti, tutti riguardanti lo stesso tema: l’importanza di lavarsi le mani. Metà, invece, non ha ricevuto alcuna “istruzione” in merito. I volontari che hanno potuto consultare il portale sono stati anche invitati a indicare, nel sito stesso, se e come aderivano alla buona pratica promossa dagli autori.

Un’abitudine poco diffusa

Analizzando i risultati, si è visto che l’abitudine di lavarsi le mani è poco diffusa. Infatti, solo nel gruppo delle persone che avevano accesso al portale informativo, il gesto era effettuato per un numero di volte sufficiente al giorno. Nell’altro gruppo, questa manovra, considerata essenziale dagli esperti, era sottovalutata.

Benefici a tutto campo

L’impatto sulle condizioni di salute dei comportamenti adottati dai due gruppi è stato molto rilevante. Si è visto, infatti, che i soggetti che avevano ricevuto informazioni mirate in merito al lavarsi le mani e tendevano a eseguire questo manovra con una certa frequenza erano meno vulnerabili a malanni di vario tipo, in particolare a raffreddori, influenze e infezioni gastrointestinali, rispetto agli individui che non avevano beneficiato dell’accesso al sito. Lo stesso riscontro positivo è stato misurato anche nei famigliari. Probabilmente, la spiegazione è duplice: da un lato, i volontari che hanno potuto accedere al portale hanno influito in maniera positiva sui propri cari, invitando anche loro a lavarsi le mani, dall’altro occorre considerare che lavarsi le mani significa ridurre la trasmissione di virus e batteri all’interno della comunità e, dunque, proteggere non solo se stessi ma anche le persone che si frequentano. Nel complesso, nei tre inverni considerati dallo studio, si è assistito a una riduzione del 10-20% delle prescrizioni di antibiotici e delle visite dal medico.  

 

 

 
 
 

In breve

UN GESTO DA RIPETERE SPESSO

Lavarsi le mani significa evitare di portare alla bocca e agli occhi quei virus e batteri che possono sopravvivere sugli oggetti e sulla pelle e che, se penetrano nell’organismo, possono causare malattie di vario tipo. Il gesto andrebbe ripetuto prima di mangiare e manipolare cibo, dopo essere andati in bagno, quando si toccano superfici di luoghi pubblici, ogni volta che le mani sono sporche.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Eparina, cardioaspirina, folina prescritte a inizio gravidanza: servono tutte?

06/02/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è possibile per uno specialista giudicare le scelte terapeutiche di un collega, specialmente nell'eventualità in cui non possa disporre di tutte le informazioni necessarie a inquadrare il caso clinico. Le spiegazioni relative a quanto viene prescritto vanno chieste al proprio curante.   »

Un solo neo, tre pareri specialistici diversi: a chi credere?

31/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Ogni specialista ha le sue precise ragioni quando indica il da farsi rispetto a un neo, in particolare quando i singoli pareri vengono espressi a distanza uno dall'altro.   »

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Fai la tua domanda agli specialisti