Pesticidi: tanti i pericoli nascosti

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 16/01/2018 Aggiornato il 31/07/2018

Infertilità, morbo di Parkinson, cancro: sono solo alcune delle problematiche che possono essere causate da un’esposizione eccessiva ai pesticidi. Ecco a cosa fare attenzione

Pesticidi: tanti i pericoli nascosti

Che non siano sostanze salutari per la salute è risaputo da tempo. Ma non tutti conoscono i pericoli connessi a un’esposizione elevata ai pesticidi, in grado di svolgere molte azioni nocive sull’organismo, a tanti livelli.

Come si diffondono gli antiparassitari

I pesticidi, conosciuti anche come antiparassitari, sono sostanze chimiche che vengono utilizzate comunemente nel settore agricolo per eliminare gli organismi parassiti che danneggiano le piante coltivate e il terreno. Grazie al loro impiego, dunque, si possono ottenere ortaggi migliori e si può avere una resa nettamente maggiore. Purtroppo, però, non senza effetti collaterali. Finiscono, infatti, nelle falde acquifere e negli alimenti, arrivando fino all’uomo, dove possono causare danni di vario tipo. Basti pensare che già nel 1992 l’Istituto superiore di sanità ha ammesso che molti pesticidi probabilmente possono causare diverse forme di cancro e alterazioni del sistema endocrino.

Più rischi per determinate malattie

Diversi studi condotti sugli animali hanno dimostrato che l’uso di pesticidi si associa a un rischio molto elevato di cancro. Sembra che a ciascun tipo di antiparassitario corrisponda un rischio aumentato per determinati tumori. Per esempio, la triazina si associa a probabilità maggiori di sviluppare carcinoma ovarico, mentre i composti organofosforici di linfoma non Hodgkin e leucemia. Tuttavia, non si hanno ancora dati certi per parlare di associazioni consolidate. Quel che è certo è che i composti di arsenico e gli insetticidi usati per uso professionale sono stati classificati come cancerogeni dall’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro.

Interferenze sul sistema riproduttivo

I pesticidi costituiscono poi una minaccia per la fertilità. Innanzitutto perché interferiscono con il sistema endocrino e l’equilibrio ormonale, due fattori chiave per il concepimento. Inoltre, pare che questi composti danneggino lo sperma e dunque le cellule riproduttive maschili e alterino le ovaie e la loro funzionalità.

Effetti anche sul Parkinson

Un’altra possibile conseguenza nefasta dell’esposizione ai pesticidi è rappresentata dal Morbo di Parkinson. Secondo uno studio condotto dagli scienziati dell’University of California di Los Angeles (UCLA) e pubblicato sulla rivista medica Neurology, infatti, alcuni erbicidi di uso comune, anche a concentrazioni basse, aumentano il rischio di questa temibile malattia, in quanto andrebbero a inibire l’enzima aldeide deidrogenase (Aldh), che gioca un ruolo cruciale nella detossificazione delle cellule.

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Secondo recenti studi, il consumo di cibi contenti pesticidi può aumentare nei bambini il rischio di sviluppare Adhd.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti