Piercing vaginale: proibito in Gran Bretagna

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 05/05/2015 Aggiornato il 05/05/2015

Il piercing vaginale in Gran Bretagna viene vietato alle donne perché è una pratica considerata violenta sul corpo femminile, come le mutilazioni genitali femminili

Piercing vaginale: proibito in Gran Bretagna

È una moda sempre più diffusa, ma non salutare. I piercing vaginali non sono tatuaggi ma qualcosa di più. Si tratta dell’applicazione nelle parti intime di anelli o barrette di metallo con lo scopo di abbellire il corpo, sentirsi diversa e, forse, provare più piacere durante l’atto sessuale. L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha definito i piercing vaginali illegali poiché considerati come vere e proprie mutilazioni genitali, le pratiche contro la sessualità della donna che purtroppo vengono praticate in alcuni paesi del mondo come quelli africani.

Considerata una mutilazione genitale

Giro di vite in Inghilterra per le donne che intendono farsi un piercing alle parti intime, pena per loro pesanti sanzioni e condanne. Le ragioni sono legate al fatto che non solo sono oggetti violenti, ma sono procedure nocive, ambigue, illegali e paragonabili agli interventi di mutilazione genitale, vietati nel Regno Unito. Secondo gli esperti i piercing non possono essere classificati né come interventi di chirurgia estetica né come operazioni praticate per motivi di salute fisica e mentale.

Atto di trasgressione

Barrette o anelli di metallo vengono applicati anche nelle parti più intime femminili. Le motivazioni per richiedere un piercing ai genitali possono essere diverse. Per lo più viene considerato un abbellimento del proprio corpo, anche delle parti intime, un’individualizzazione estetica o comunque un atto di trasgressione, considerando che spesso chi si fora i genitali ha già altri piercing sparsi per il corpo, magari anche al capezzolo, un’altra parte delicata che ha bisogno di attenzioni particolari nel momento in cui ci si voglia applicare un anello metallico.

Gioco sessuale

In alcuni casi più che l’aspetto estetico o trasgressivo, la pratica dei piercing vaginali incuriosisce gli interessati perché sembra possa aumentare il piacere sessuale proprio o del partner, sia come conseguenza psicologica sia fisica, visto che alcuni possono stimolare zone specifiche del corpo come il clitoride.

Segnalato dai medici

Come dovranno procedere i medici se incontreranno casi di ragazze o donne che volontariamente hanno scelto per le loro parti intime un piercing? Se di troveranno di fronte a parti intime decorate con un piercing, il personale medico sarà costretto a notificare tutti gli interventi di questo tipo come violenti. Quindi chi vorrà fare un piercing per ragioni estetiche sarà considerata una potenziale vittima di un crimine e i responsabili potrebbero essere condannati.

 

 

 
 
 

In breve

 

ANCHE IN ITALIA?

Per ora nel nostro Paese non c’è alcun divieto sui piercing vaginali ma non si esclude che in futuro anche l’Italia decida di adeguarsi al parere dell’Oms e vietarli.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti