Pressione alta: 1 persona su 3 non sa di averla

Luciana Pellegrino A cura di Luciana Pellegrino Pubblicato il 27/07/2018 Aggiornato il 27/07/2018

Oltre un terzo delle persone con ipertensione non sa di avere la pressione alta. Alti rischi per la salute

Pressione alta: 1 persona su 3 non sa di averla

La pressione alta, o ipertensione, colpisce in silenzio: 1 persona su 3 al mondo ne soffre ma in molti non lo sanno. È quanto emerge da uno studio effettuato da alcuni ricercatori australiani, il cui esito è stato pubblicato anche sulla prestigiosa rivista medica Lancet Global Health, dopo aver esaminato più di 1 milione di ragazzi di 18 anni di 80 Paesi.

Molti non si curano

Il dato più allarmante, oltre al fatto che in moltissimi non sono a coscienza del problema, è che il 34,5% dei soggetti analizzati presenta una pressione sanguigna molto alta, più di 140/90. Il 17% dei pazienti non segue nessun tipo di trattamento mentre il 46,7% di loro, nonostante le cure, ha comunque valori della pressione sanguigna fuori dalla norma. Markus Schlaich, primo autore della ricerca, conferma che quasi la metà delle persone in cura per la pressione alta hanno ancora valori elevati: ciò significa che non sono trattati in modo idoneo, nonostante i farmaci antipertensivi. Questo perché sono ancora in tante le persone che non assumono medicinali per la paura degli effetti collaterali.

Lo screening preventivo

Per far fronte al problema, in Italia si è tenuta la prima campagna nazionale contro la pressione alta “Abbasso la pressione!”, organizzata da Federfarma con il coinvolgimento di circa 6.000 farmacie. Un’iniziativa che ha dato l’opportunità a chiunque di controllare la pressione sanguigna tramite uno screening gratuito e di ricevere consigli utili su come prevenire l’ipertensione.

Primaria e secondaria

Esistono due forme di ipertensione: primaria e secondaria. Quella primaria si sviluppa progressivamente nel corso di diversi anni; quella secondaria, invece, è causata da patologie sottostanti come problemi renali, alla tiroide, malformazioni cardiache, tumori, uso di farmaci, droghe e abuso di alcolici.

I campanelli d’allarme

Sebbene spesso silente, la pressione alta può provocare disturbi generalizzati come stanchezza, affaticabilità, nausea, vertigini, visione offuscata, palpitazioni, sangue dal naso e, nei casi più gravi (crisi ipertensiva) anche mal di testa.

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

Per prevenire l’ipertensione basta una dieta sana ed esercizio fisico regolare, mentre in caso di ipertensione persistente è necessario assumere farmaci antipertensivi con controlli regolari dal medico.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti