Pressione alta? Abbassala con l’hula dance

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 31/10/2019 Aggiornato il 31/10/2019

L’hula dance, la danza tipica hawaiana, può aiutare a tenere sotto controllo la pressione alta. Ecco perché

Pressione alta? Abbassala con l’hula dance

Balla che… la pressione alta scende. Meglio poi se lo si fa con un fiore tra i capelli, una ghirlanda al collo, abbandonandosi alle note dolci dell’ukelele. L’hula dance, la danza tradizionale della Hawaii, è diventata di recente oggetto di studio per una prerogativa speciale: abbinata a farmaci e dieta corretta, sarebbe in grado di abbassare la pressione alta anche quando i protocolli classici falliscono.

Non solo alle Hawaii

A suggerirlo è uno studio preliminare condotto sui nativi hawaiani in base al quale la danza tipica hawaiana potrebbe essere un aiuto per tutti, anche lontano dalle spiagge esotiche del Pacifico, come sostiene Joseph Keawe’aimoku Kaholokula, autore principale del lavoro e presidente del Dipartimento Salute dei nativi hawaiani all’università delle Hawaii di Manoa, Honolulu. Lo studio è stato condotto sui nativi hawaiani, perché sono proprio loro che spesso, nonostante i farmaci, hanno difficoltà a controllare la pressione del sangue, con un aumentato rischio di malattie coronariche e ictus.

Più rischi di infarti e ictus

Tra loro, infatti, patologie cardiache e infarti hanno tassi quattro volte più alti rispetto ai bianchi non ispanici e insorgono 10 anni prima che tra gli hawaiani bianchi e asiatici. Kaholokula e colleghi hanno reclutato così oltre 250 nativi hawaiani, per l’80% donne, che – nonostante i trattamenti antipertensivi –  mantenevano una pressione sistolica (la massima) pari a 140 millimetri di mercurio (mmHg) o superiore, oppure pari a 130 mmHg o superiore in presenza di diabete di tipo 2.

Due volte alla settimana

Dopo tre sessioni di un’ora in cui i pazienti sono stati informati su dieta, esercizio fisico e corretta assunzione dei farmaci, i partecipanti sono stati divisi a caso in due gruppi: uno non ha seguito alcuna misura terapeutica aggiuntiva, l’altro, sempre in aggiunta ai medicinali, ha frequentato classi di hula dance con lezioni di un’ora due volte alla settimana per tre mesi, seguite da una lezione mensile per altri tre mesi, auto-allenamento e attività di sensibilizzazione su ipertensione e vita sana.

Risultati positivi nel tempo

Dopo 6 mesi, rispetto al gruppo di controllo, quello che aveva seguito le lezioni di hula dance mostrava più probabilità di avere ridotto la pressione sanguigna sotto i 130 mmHg per la massima e gli 80 mmHg per la minima (diastolica), nonché più probabilità di aver perso oltre 10 mmHg di pressione massima, un calo che abbassa significativamente il rischio di infarto, ictus e scompenso cardiaco. Miglioramenti che perduravano anche nei 6 mesi successivi.

 

 
 
 

Da sapere!

Questi risultati rafforzano l’idea che per la maggior parte delle persone l’attività fisica più salutare è quella che accelera il respiro e il battito cardiaco. Che si tratti di ballare, andare in bicicletta, nuotare, fare surf o escursioni, la chiave è muoversi sempre più spesso.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccini tetravalente ed esavalente e possibili effetti indesiderati

06/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Qualsiasi vaccino dà luogo a effetti indesiderati che comunque sono molto meno gravi di quanto potrebbero essere le conseguenze della malattia contro cui vengono effettuati.  »

Bimbo che vuole mangiare solo pochi alimenti

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Occorre stare molto attenti a non trasformare l'ora dei pasti in un momento in cui il bambino tiene in pugno tutta la famiglia e il modo migliore per evitarlo, favorendo un rapporto sereno con il cibo, è mostrare indifferenza se rifiuta una cibo e zero esultanza se, invece, lo mangia.   »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti