Prostata: problemi anche per i giovani

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 26/04/2018 Aggiornato il 04/08/2018

È sbagliato considerare i disturbi alla prostata tipici degli anziani. Anche prima dei 50 anni è importante monitorare la situazione. Ipertensione, diabete e colesterolo possono, infatti, incidere sulla comparsa di malattie

Prostata: problemi anche per i giovani

I dati raccolti dalla Società Urologica Italiana (Siu) attraverso la campagna #Controllati 2017 parlano chiaro: la prostata può diventare un problema non solo per gli anziani. Tra le cause rientrano fattori come glicemia, trigliceridi e alti valori di colesterolo e pressione. È, infatti, sufficiente che una sola di queste misure sia sballata per raddoppiare le probabilità di incorrere in problemi alla prostata. In caso di ipertensione, il rischio di ipertrofia prostatica benigna (lpb) sale di due volte e mezzo.

Effettuate oltre 10.000 visite

Condotta con il supporto non condizionante di Menarini, #Controllati 2017 ha permesso a più di 10.000 italiani di sottoporsi a una visita specialistica. L’analisi dei dati raccolti su un campione di circa 2.400 uomini ha confermato come l’età rappresenti un fattore importante in tema di problemi alla prostata. I dati parlano chiaro. Il 10% dei quarantenni presenta sintomi precoci di lbp, mentre tra i 50 e i 60 anni l’incidenza è del 30%, la percentuale sale al 60% negli ultra settantenni. Nei più giovani gioca un ruolo fondamentale l’attività fisica costante, in grado di ridurre del 40% il rischio di ammalarsi.

I fattori di rischio

L’indagine ha permesso di individuare i fattori di rischio per la prostata. La probabilità di andare incontro a problemi sale del 57% nei diabetici, del 50% in caso di pressione alta e del 37% con elevati valori di colesterolo e trigliceridi. Esattamente come il diabete, fumare più di 10 sigarette al giorno provoca un incremento del rischio del 57%. I dati raccolti mostrano come, tra i più giovani, i fattori di rischio più frequenti siano riconducibili a ipertensione (30%) e colesterolo (24%). A destare preoccupazione è l’alta percentuale di soggetti sotto i 50-60 anni interessati da disturbi urinari che, tra gli under 40, si assesta intorno al 34%. Con bruciori urinari per gli under 30 e problemi di nicturia, frequenza e sensazione di non totale svuotamento per gli uomini tra i 30 e i 40 anni.

Prevenzione fin da giovani

La prevenzione aiuta anche a scongiurare disturbi sessuali come la disfunzione erettile, che ha un’incidenza doppia negli uomini affetti da lpb. Un importante aiuto arriva dal praticare regolarmente sport e tenere sotto controllo i parametri cardiometabolici. Nei giovani, l’attività fisica risulta particolarmente efficace, allontanando il rischio di prostatiti quattro volte più efficacemente che negli over 50.

 

 

Da sapere!

I dati hanno rivelato, già nei quarantenni, bassi livelli di testosterone. Causata probabilmente da stress, scarsa attività sessuale e cattive abitudini alimentari, questa carenza è uno dei fattori che possono causare l’ingrossamento della prostata. Molto spesso però gli uomini faticano ad ammettere problemi e a consultare un medico.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Ecografia, mammografia, autopalpazione: ecco le indagini per il seno

11/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Scoprire tempestivamente la presenza di un nodulo maligno nella mammella salva la vita. Tre sono le indagini che lo permettono.   »

Qual è stato il rapporto sessuale che ha portato al concepimento?

10/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stabilire il giorno esatto del concepimento, in caso di più rapporti sessuali nello stesso mese, è davvero molto difficile in quanto il periodo ovulatorio è influenzato da più variabili.   »

Fai la tua domanda agli specialisti