Psoriasi: come affrontarla in estate

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 08/07/2019 Aggiornato il 11/07/2019

È vero che in estate la psoriasi migliora, grazie al sole e al clima caldo umido, ma aumentano i rischi legati alla secchezza cutanea, come scottature e irritazioni. Ecco cosa fare

Psoriasi: come affrontarla in estate

Chi soffre di psoriasi in estate sta meglio ma non deve abbassare la guardia. Il sole e l’acqua marina, per esempio, hanno effetti positivi sulla cute malata, in quanto contribuiscono a migliorare le lesioni cutanee tipiche di questa patologia. Ma con l’arrivo dell’estate bisogna prestare attenzione anche al rischio scottature, secchezza della pelle, infiammazioni, pruriti e irritazioni che, invece, possono peggiorarne i sintomi. Sbalzi di temperatura, aria condizionata, cloro e sudore possono, infatti, aumentare la secchezza cutanea, provocando ulteriori danni all’epidermide.

Evitare le scottature

Le persone che sfruttano il mare e il sole per i loro benefici devono però fare attenzione alle scottature, evitando di esporsi nelle ore più calde della giornata e applicando la protezione solare almeno ogni due ore. Le bruciature possono provocare la riattivazione della psoriasi con la formazione di nuove placche, il cosiddetto “fenomeno di Koebner”, che si verifica quando le placche si sviluppano in zone soggette a uno stimolo meccanico, come traumi locali e sfregamenti, o fisico, come appunto le scottature e le ustioni solari.

Pelle idratata e vestiti freschi

Per chi soffre di psoriasi è importante tenere la pelle sempre fresca e idratata. Gli esperti consigliano di usare saponi e gel idratanti e, dopo la doccia, creme emollienti in grado di prevenire screpolature e secchezza cutanea. Inoltre, per evitare sudore e irritazioni dovuti a sfregamenti sarebbe bene indossare vestiti leggeri, e non stretti, meglio se in cotone.

Più cibi leggeri, meno alcol

Bisogna, inoltre, prestare particolare attenzione anche all’alimentazione. Eliminando o limitando alcuni alimenti e privilegiandone altri, infatti, si ottiene un miglioramento dell’infiammazione. È bene pertanto bere molta acqua e seguire una dieta leggera a base di cibi freschi e ridurre il consumo di alcol che può interferire con i farmaci per la psoriasi.

Cosa non fare

I dermatologi sconsigliano la sospensione temporanea o definitiva dei farmaci durante le vacanze, senza il consulto del medico, in quanto ciò potrebbe favorire una ricaduta o un peggioramento della psoriasi.

 

 

Lo sapevi che?

Le persone colpite da psoriasi soffrono specialmente in estate l’impatto psicologico della malattia  e nascondono le lesioni sotto magliette a manica lunga, pantaloni e abiti, anche in spiaggia.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Vertigini a 13 anni: cosa può essere?
10/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Le vertigini potrebbero essere espressione di un problema che riguarda l'orecchio interno: solo la visita otoneurologica può escluderlo o confermarlo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti