Pulire la casa … allunga la vita

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 09/10/2019 Aggiornato il 09/10/2019

Per vivere più a lungo è sufficiente un'ora al giorno di attività fisica in qualunque forma… anche pulire la casa

Pulire la casa … allunga la vita

Pulire la casa per un’ora al giorno potrebbe essere un valido aiuto per conservare uno stato di salute migliore e ridurre il rischio di morte prematura, fino a dimezzarlo. La notizia arriva da uno studio della Norwegian School of Sport Sciences di Oslo pubblicato sul British Medical Journal, secondo cui qualsiasi livello di attività fisica svolto per almeno un’ora al giorno, come appunto pulire la casa (spazzare, spolverare, passare lo straccio) o sistemare il giardino, risulta collegato a una diminuzione del rischio di mortalità prematura.

Oltre 36mila persone monitorate per 6 anni

L’obiettivo dello studio guidato da  Ulf Ekelund era misurare il livello ottimale di attività fisica da svolgere per ridurre il rischio di mortalità prematura nei soggetti di mezz’età. La ricerca ha visto coinvolti più di 36 mila adulti (uomini e donne), tutti residenti in nazioni ad alto reddito, ai quali è stato fornito un dispositivo indossabile (un accelerometro)  in grado di monitorare i movimenti svolti nella giornata. I ricercatori hanno quindi diviso i partecipanti in quattro gruppi in base al loro livello di movimento fisico giornaliero medio e li hanno seguiti per circa sei anni.

Un’ora al giorno è sufficiente

Quasi il 6% dei partecipanti (2.149 persone) è deceduto nel corso dello studio. A ricerca ultimata i ricercatori sono stati in grado di calcolare, come ha spiegato Charlotte Edwardson dell’Università di Leicester, coautrice dello studio, che “qualsiasi livello di attività fisica svolto per almeno un’ora al giorno, come pulire la casa, è collegato a un minor rischio di morte per tutte le cause” e che in particolare i soggetti più attivi avevano un rischio di morte ridotto del 65% rispetto ai meno attivi.

Il massimo vantaggio

Dati alla mano, i ricercatori sono riusciti a quantificare l’ammontare dei minuti totali di attività fisica da svolgere giornalmente per ottenere il massimo vantaggio in termini di riduzione del rischio di morte prematura: nel caso dell’attività fisica ‘vigorosa’ l’ideale è 24 minuti al giorno, ovvero 168 minuti alla settimana (superare questa soglia, invece, non riduce ulteriormente i rischi), mentre per quanto riguarda le attività di lieve intensità ci si deve impegnare fino a 300 minuti (cioè 5 ore) al giorno.

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

A conferma dell’importanza del movimento fisico, dallo studio emerge anche che stare seduti per 9,5 ore al giorno – più o meno il tempo di durata di un’intera giornata di lavoro – fa aumentare il rischio di mortalità prematura.

 

Fonti / Bibliografia

  • Dose-response associations between accelerometry measured physical activity and sedentary time and all cause mortality: systematic review and harmonised meta-analysis | The BMJObjective To examine the dose-response associations between accelerometer assessed total physical activity, different intensities of physical activity, and sedentary time and all cause mortality.Design Systematic review and harmonised meta-analysis.Data sources PubMed, PsycINFO, Embase, Web of Science, Sport Discus from inception to 31 July 2018.Eligibility criteria Prospective cohort studies assessing physical activity and sedentary time by accelerometry and associations with all cause mortality and reported effect estimates as hazard ratios, odds ratios, or relative risks with 95% confidence intervals.Data extraction and analysis Guidelines for meta-analyses and systematic reviews for observational studies and PRISMA guidelines were followed. Two authors independently screened the titles and abstracts. One author performed a full text review and another extracted the data. Two authors independently assessed the risk of bias. Individual level participant data were harmonised a...
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti