Pulire la casa … allunga la vita

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 09/10/2019 Aggiornato il 09/10/2019

Per vivere più a lungo è sufficiente un'ora al giorno di attività fisica in qualunque forma… anche pulire la casa

Pulire la casa … allunga la vita

Pulire la casa per un’ora al giorno potrebbe essere un valido aiuto per conservare uno stato di salute migliore e ridurre il rischio di morte prematura, fino a dimezzarlo. La notizia arriva da uno studio della Norwegian School of Sport Sciences di Oslo pubblicato sul British Medical Journal, secondo cui qualsiasi livello di attività fisica svolto per almeno un’ora al giorno, come appunto pulire la casa (spazzare, spolverare, passare lo straccio) o sistemare il giardino, risulta collegato a una diminuzione del rischio di mortalità prematura.

Oltre 36mila persone monitorate per 6 anni

L’obiettivo dello studio guidato da  Ulf Ekelund era misurare il livello ottimale di attività fisica da svolgere per ridurre il rischio di mortalità prematura nei soggetti di mezz’età. La ricerca ha visto coinvolti più di 36 mila adulti (uomini e donne), tutti residenti in nazioni ad alto reddito, ai quali è stato fornito un dispositivo indossabile (un accelerometro)  in grado di monitorare i movimenti svolti nella giornata. I ricercatori hanno quindi diviso i partecipanti in quattro gruppi in base al loro livello di movimento fisico giornaliero medio e li hanno seguiti per circa sei anni.

Un’ora al giorno è sufficiente

Quasi il 6% dei partecipanti (2.149 persone) è deceduto nel corso dello studio. A ricerca ultimata i ricercatori sono stati in grado di calcolare, come ha spiegato Charlotte Edwardson dell’Università di Leicester, coautrice dello studio, che “qualsiasi livello di attività fisica svolto per almeno un’ora al giorno, come pulire la casa, è collegato a un minor rischio di morte per tutte le cause” e che in particolare i soggetti più attivi avevano un rischio di morte ridotto del 65% rispetto ai meno attivi.

Il massimo vantaggio

Dati alla mano, i ricercatori sono riusciti a quantificare l’ammontare dei minuti totali di attività fisica da svolgere giornalmente per ottenere il massimo vantaggio in termini di riduzione del rischio di morte prematura: nel caso dell’attività fisica ‘vigorosa’ l’ideale è 24 minuti al giorno, ovvero 168 minuti alla settimana (superare questa soglia, invece, non riduce ulteriormente i rischi), mentre per quanto riguarda le attività di lieve intensità ci si deve impegnare fino a 300 minuti (cioè 5 ore) al giorno.

 

 

 

Da sapere!

A conferma dell’importanza del movimento fisico, dallo studio emerge anche che stare seduti per 9,5 ore al giorno – più o meno il tempo di durata di un’intera giornata di lavoro – fa aumentare il rischio di mortalità prematura.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Coronavirus e bimbi in piscina: ci sono rischi?

13/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Una cosa è certa: il Sars-CoV-2 non nuota libero nell'acqua delle piscine, per cui i bambini possono fare i bagni in piena sicurezza.  »

Lieve perdita di sangue a inizio gravidanza

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La gravidanza è un processo in divenire: almeno nelle prime settimane non si dovrebbero trarre conclusioni su come si sta evolvendo, semplicemente in base a una piccola perdita di sangue.   »

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Fai la tua domanda agli specialisti