Salute degli occhi: 1 italiano su 5 non va dall’oculista

Luciana Pellegrino
A cura di Luciana Pellegrino
Pubblicato il 07/02/2019 Aggiornato il 07/02/2019

In Italia ogni anno si registrano 4.500 i casi di cecità a causa del glaucoma. Ancora scarsa prevenzione e pochi controlli della vista

Salute degli occhi: 1 italiano su 5 non va dall’oculista

La metà degli italiani non effettua controlli della vista per salvaguardare la salute degli occhi. Nell’arco dei 12 mesi solo il 30% di questi ha effettuato una visita oftalmologica, mentre 1 su 5 ha dichiarato di essere andato dall’ottico ma mai dall’oculista. Sono i dati emersi da una ricerca eseguita dall’Osservatorio per la Salute della Vista tramite il quale gli esperti hanno cercato di capire quanti sono gli italiani attenti alla salute degli occhi.

Solo il 50% degli italiani controlla la vista

Dal test è emerso che solo la metà degli italiani, nell’arco di un anno, ha eseguito un controllo per la salute degli occhi. Di questi solo il 30% è andato dall’oculista, il 20% dall’ottico. Questo perché le persone senza grossi problemi agli occhi sono convinte che basti acquistare un paio di occhiali da vista pronti all’uso per vederci bene.

Scarsa prevenzione

Soltanto il 6% degli intervistati ha confermato di essere andato dall’oculista a scopo preventivo. Mentre, l’8% lo ha fatto per un controllo periodico, il 10% per un disturbo e il 30% per effettuare una revisione degli occhiali da vista.

Gocce oculari

Il sondaggio ha, inoltre, rivelato che il 62% dei partecipanti usa le gocce oculari solo in caso di necessità, il 28% non le utilizza affatto e il 10% ne usufruisce in caso di glaucoma e occhio secco. Tra i motivi per cui i pazienti evitano di ricorrere ai colliri oculari, il 14% sostiene che la goccia fuoriesce dall’occhio, il 9% dichiara di fare fatica a mantenere l’occhio aperto, un altro 9% non riesce a somministrare le gocce da solo.

Quando fare la visita oculistica

Per la salute degli occhi è importante effettuare la visita oculistica in diverse fasi della vita: dai 3 ai 6 anni per prevenire l’ambliopia, ovvero l’occhio pigro, e dopo i 40 anni per prevenire le malattie della vista, come il glaucoma.

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

Solo l’oculista è in grado di diagnosticare e curare la malattie legate agli occhi.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Anti pneumococco e anti rotavirus: sono importanti?

E' una fortuna per i nostri bambini poter essere vaccinati contro malattie che potrebbero avere conseguenze gravissime. E il timore che fare più vaccinazioni insieme possa non essere opportuno è infondato, come lo è ritenere qualche vaccinazione meno utile di altre.  »

Ma cos’è l’autosvezzamento?

Il neologismo "autosvezzamento" è spesso fonte di fraintendimenti o, comunque, confonde le mamme che devono iniziare a proporre le prime pappe. In realtà è una pratica molto più semplice rispetto a quello che in genere si pensa (ma anche un po' utopistica).   »

Fai la tua domanda agli specialisti