Scarpe: tutti gli eccessi fanno male ai piedi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 28/05/2015 Aggiornato il 28/05/2015

No alle scarpe rasoterra e a quelle con i tacchi molto alti: fanno male ai piedi che soffrono e si rovinano

Scarpe: tutti gli eccessi fanno male ai piedi

L’ultima moda tra chi corre sono le scarpe “minimaliste”, più simili ai calzini che alle scarpe da ginnastica, che secondo creatori e sostenitori permetterebbero di camminare e correre come se si fosse a piedi nudi. Gli ortopedici non sono di questo parere: secondo i loro studi sia le scarpe rasoterra sia quelle con il tacco alto fanno male ai piedi.

Attenzione ai traumi

La scarpa per “correre come a piedi nudi” in particolare può provocare traumi come dimostrato dall’ultima indagine, presentata al convegno dell’American Academy of Orthopaedic Surgeons, dove si è visto che modificare gli appoggi del piede, passando da una scarpa tradizionale da corsa a una rasoterra espone a un maggior rischio di incidenti. Del resto non siamo abituati a correre scalzi: nel mondo occidentale è difficile poterlo fare e per questo è una forzatura provarci. Soprattutto durante la corsa, un’attività che sollecita molto il piede: in questo caso è bene che la scarpa sia ammortizzata e scelta con attenzione in base al proprio tipo di appoggio.

No per correre

Importante anche cambiarla spesso perché usurandosi perde la capacità di attenuare l’impatto con il terreno. Quindi se camminare scalzi sulla sabbia o su un prato può essere un’ottima fisioterapia passiva, meglio non correre usando scarpe rasoterra che fanno male ai piedi. Al pari di quelle con il tacco alto, del resto: il tacco dodici tanto amato dalle donne favorisce la comparsa dell’alluce valgo e del dito a martello, oltre che provocare traumi alle caviglie. Per questi problemi esiste una predisposizione genetica, ma difficilmente si manifestano nell’uomo, proprio perché le calzature strette portate per anni e anni sono un “fattore scatenante” decisivo.

La misura ideale

Quattro o cinque centimetri di tacco sono ideali invece per le scarpe di tutti i giorni perché, oltre a permettere il corretto appoggio del piede, attivano la circolazione. Oltre all’alluce valgo, le calzature scomode, sia quelle rasoterra sia quelle con il tacco alto, possono far male ai piedi provocando dolore sotto la pianta, calli fastidiosi e perfino tendiniti: tipica è l’infiammazione del tendine d’Achille, che collega il muscolo del polpaccio al tallone, provocata a volte da scarpe troppo piatte o troppo alte, oppure eccessivamente usurate per l’attività fisica svolta.

 

 

 

In breve

FRUTTO DELL’EVOLUZIONE

È stato l’uso delle scarpe a cambiare il piede umano, che sarebbe nato per stare scalzo: le calzature, che esistono da “appena” 40mila anni, hanno modificato le estremità, che sono molto flessibili, irrigidendone la parte centrale ed esterna e creando l’arcata plantare. Lo dimostra il fatto che le popolazioni che camminano a piedi nudi hanno piedi più “morbidi” e piatti, che appoggiano una maggior superficie anche nella parte centrale.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbi sul risultato dell’isterosalpingografia

28/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Quello che conta più di tutto è che l'isterosalpingografia appuri la pervietà delle tube.   »

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti