Scegliere gli integratori, ecco come trovare quello che fa per te

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 10/08/2021 Aggiornato il 10/08/2021

Esistono quelli per aiutare l’abbronzatura, per combattere i cali di pressione, per lo sport. Scegliere gli integratori in modo intelligente fa bene alla salute

Scegliere gli integratori, ecco come trovare quello che fa per te

Se c’è un mercato che “tiene” sempre e che non conosce crisi è quello degli integratori alimentari. Secondo le stime degli esperti, la vendita degli integratori è, subito dopo quella dei farmaci, in continua crescita soprattutto nei mesi estivi quando questi prodotti si rivelano preziosi alleati contro il calo di pressione, per rendere la pelle più robusta verso i raggi solari o le difese più forti in vista dell’arrivo dell’autunno. Ecco qualche consiglio per scegliere gli integratori.

Per difendere la pelle dal sole

Nel pieno dell’estate, è necessario sia preparare la pelle all’esposizione al sole, sia fare il pieno di sostanze antiossidanti per riparare ai danni del fotoinvecchiamento. Inoltre ci si devono assicurare le sostanze che stimolano il rinnovamento cellulare, che mantengono sano il colorito e che apportano alla cute sostanze nutritive. Al momento di scegliere gli integratori per la pelle ci si deve accertare che contengano vitamina A, betacarotene, biotina e niacina, sostanze che mantengono sano il tessuto cutaneo. Inoltre, devono essere presenti le vitamine C, E e quelle del gruppo B che contrastano l’invecchiamento causato dai raggi solari. Sono anche importanti alcuni minerali come lo zinco, il selenio e il rame.

Contro il calo di pressione

Quando fa caldo, i cali di pressione sono in agguato perché le alte temperature favoriscono la vasodilatazione di vene e arterie, con l’obiettivo di disperdere il calore in eccesso per mantenere l’organismo alla giusta temperatura. Le donne sono più esposte a questo problema, soprattutto durante l’età fertile e in gravidanza perché la pressione arteriosa è già tendenzialmente bassa. È allora possibile avvertire debolezza, gambe molli, vertigini. Contro questo rischio si possono assumere integratori a base di potassio e magnesio, minerali che regolano la pressione equilibrando la trasmissione degli impulsi nervosi e ristabilendo il corretto equilibri elettrolitico nell’organismo. In questi integratori possono essere presenti anche altre sostanze come la vitamina B12, il ferro e l’acido folico che aiutano la formazione di cellule del sangue e la distribuzione dell’energia.

Per rafforzare le difese naturali

Verso la fine dell’estate, si pensa spesso ai primi freddi, ai raffreddori e ai disturbi che si accompagnano all’arrivo dell’autunno. Scegliere gli integratori giusti può essere un modo utile per rafforzare le difese dell’organismo dall’attacco di virus e germi. I prodotti che vanno bene contengono vitamina D che interviene nelle reazioni immunitarie, oltre a vitamina C che regola l’attività delle cellule di difesa, come i linfociti natural killer e i macrofagi, promuovendo la produzione di anticorpi. In questi integratori ci devono anche essere zinco e selenio: il primo è un modulatore della risposta immunitaria, mentre il selenio mantiene attive le cellule delle difese naturali.

Dopo l’attività sportiva

Chi pratica sport dovrebbe curare in modo particolare le sostanze da assumere per reintegrare le perdite di liquidi e di minerali che con il caldo sono molto intense. Inoltre, occorre ristabilire la funzionalità nervosa e muscolare messa alla prova dall’allenamento. Nello scegliere gli integratori giusti per lo sport, si deve controllare che contengano magnesio, potassio, zinco e sodio per l’equilibrio idrico e il tono muscolare. Proteine e aminoacidi sono ingredienti essenziali per ricostruire le fibre muscolari affaticate e combattere la stanchezza. La giusta quota di carboidrati è importante per recuperare l’energia spesa, mentre gli acidi grassi sono alleati della salute di cuore e pressione.

 

 
 
 

Da sapere!

Anche le donne in gravidanza possono avere necessità di un integratore multivitaminico, che non sostituisce comunque la corretta alimentazione. La gestante ne può parlare con il ginecologo e deve attenersi alle dosi consigliate, senza assumerne in eccesso.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-CoVid-19: non è vero che ostacola la fertilità. Anzi.

21/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono dati che autorizzino a sostenere che la vaccinazione contro l'infezione da Sars-CoV-2 interferisca sulla fertilità.   »

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti