Scoprire il papilloma virus con un esame delle urine?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 30/03/2015 Aggiornato il 13/12/2019

Si potrebbe evitare di fare il pap test per diagnosticare il papilloma virus. In alcune regioni è già realtà

Scoprire il papilloma virus con un esame delle urine?

Facile come fare l’esame delle urine e, soprattutto, non invasivo né fastidioso. Molto presto la diagnosi del papilloma virus si potrà fare senza sottoporsi al pap test, ma, appunto con semplice esame di laboratorio. È una novità molto importante, in particolare per invogliare le più giovani a sottoporsi al test, visto che il papilloma virus (Hpv) causa la maggior parte dei tumori al collo dell’utero.

Efficace come il pap test

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista scientifica British Medical Journal, questo tipo di test, pur non essendo così accurato come il pap test che permette di esaminare direttamente il materiale biologico prelevato dall’utero, è comunque efficace. I dati che lo affermano sono ricavati da 14 ricerche precedenti, che hanno coinvolto 1.443 donne,  e hanno permesso agli esperti diretti da Neha Pathak, della London School of Medicine, di concludere che l’esame delle urine permette di individuare correttamente la presenza del virus nell’87 per cento dei casi positivi al test Hpv, con una sensibilità migliore con le urine raccolte al mattino appena sveglie.

Ora si analizzano le cellule dell’utero

Oggi, nella stragrande maggioranza dei casi, per diagnosticare il papilloma virus si ricorre ancora al pap test tradizionale in cui si analizzano le cellule prelevate dalla parete uterina, alla ricerca di alterazioni morfologiche e non si fa sul materiale biologico direttamente un test per il papilloma virus. Le ricerche hanno dimostrato anche che il test Hpv, seguito da un pap test tradizionale in caso di positività, è più efficace nel prevenire i tumori dell’utero e può permettere di allungare da 3 a 5 anni il periodo che intercorre fra un’analisi e la successiva. Per questo motivo alcuni Paesi, e anche diverse Regioni italiane, hanno già iniziato a proporlo.

Molte lo evitano ancora

L’osservazione di Pathak, però, è che c’è una certa resistenza da parte delle donne, e in particolare delle più giovani, a sottoporsi al pap test, vissuto come un esame imbarazzante e spesso anche fastidioso e doloroso. Per questo motivo spesso si trascura la prevenzione. “Accanto a un’indifferenza crescente nei riguardi della prevenzione, osservata nelle giovani donne, è ben documentato che a costituire ostacoli allo screening sono anche difficoltà pratiche e fattori di tipo emozionale” conferma Henry Kitchener, ginecologo dell’Università di Manchester, autore di un editoriale su Bmj. Per questo, sostengono gli autori della ricerca, “un esame non invasivo facilmente accessibile e accettabile per le donne, come la ricerca del papilloma virus nelle urine, potrebbe far aumentare l’aderenza allo screening”.

In breve

ANCORA DIFFERENZE TRA NORD E SUD

In Italia, il sistema di sorveglianza “Passi” stima il 77 per cento delle donne fra i 25 e i 64 anni si sottoponga regolarmente al pap test o al test dell’Hpv, ma rileva anche importanti differenze fra il Centro-Nord e il Sud, dove la copertura è appena del 64 per cento.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti