Sempre più vicini al vaccino contro la clamidia

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/08/2015 Aggiornato il 12/08/2015

La ricerca scientifica contro la clamidia fa passi avanti: è stato messo a punto un vaccino per prevenire questa infezione che colpisce prevalentemente le donne

Sempre più vicini al vaccino contro la clamidia

Contro la clamidia la cura è un vaccino e a dirlo è un gruppo di ricercatori dell’Harvard Medical School in uno studio pubblicato sulla rivista “Science”. Hanno, infatti, messo a punto un vaccino per prevenire questa infezione. Un tentativo analogo era stato fatto circa 50 anni fa ma si era concluso con un fallimento.

Il nuovo vaccino funziona

Rispetto al passato, i nuovo vaccino sembra favorire il riconoscimento dei batteri della clamidia e la loro eliminazione. Per ora l’esperimento è avvenuto in laboratorio. Afferma Ulrich von Andrian, autore dello studio: “I topi che hanno ricevuto il vaccino cSAP hanno eliminato la clamidia molto rapidamente e completamente rispetto agli animali che avevano sviluppato l’immunità naturale dopo una precedente infezione”.

Che cos’è la clamidia

La clamidia è una malattia sessualmente trasmissibile che spesso non ha sintomi evidenti. È provocata dal batterio Chlamydia trachomatis, che si trasmette con i rapporti sessuali ed è una delle infezioni sessualmente trasmesse più diffuse nel mondo, soprattutto nelle donne al di sotto dei 25 anni.  La clamidia può essere trasmessa attraverso rapporti vaginali, anali e orali. Se uno dei due partner è infetto, le probabilità di trasmissione  sono del 20% e la durata media dell’infettività, se l’infezione non è curata, può arrivare fino a un anno. Spesso è trasmessa dalla madre infetta al neonato al momento del parto.

Come si manifesta

Nelle donne compaiono perdite vaginali, sanguinamento intermestruale o dopo i rapporti, dolori al basso ventre e durante i rapporti sessuali e disturbi urinari. Nell’uomo, invece, i sintomi della clamidia sono bruciori urinari, fuoriuscita di liquido dalla punta del pene, arrossamento del glande, dolore e gonfiore dei testicoli.

I numeri dell’infezione

Ogni anno si contano nel mondo oltre 90 milioni di nuovi casi di clamidia. Questa infezione può danneggiare le tube di Falloppio, attraverso cui gli ovuli fecondati raggiungono l’utero per annidarsi, e può portare all’infertilità. Se non trattata tempestivamente questa malattia può rimanere attiva nel corpo per circa 14 mesi, durante i quali può provocare malattie infiammatorie pelviche e sterilità.

Altre conseguenze

La clamidia può anche essere una causa comune di gravidanza ectopica o extrauterina: l’ovocita viene fecondato fuori dall’utero e si conclude con un aborto nei primi tre mesi di gravidanza. Inoltre, la clamidia è la causa principale di cecità nei Paesi in via di sviluppo perché può infettare gli occhi.

 

 

 

In breve

LE REGOLE DI PREVENZIONE

 L’uso del profilattico è efficace nel prevenire l’infezione da clamidia. È, poi, fortemente raccomandato eseguire annualmente un test per clamidia nelle donne al di sotto dei 25 anni e, più in generale, ogni qualvolta si abbiano rapporti senza preservativo con un nuovo partner.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti