Sifilide: in arrivo il vaccino?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 07/10/2016 Aggiornato il 07/10/2016

È allo studio un vaccino che potrebbe aiutare a prevenire la sifilide, temibile malattia a trasmissione sessuale. Ecco di che cosa si tratta

Sifilide: in arrivo il vaccino?

Molti la credevano scomparsa. Invece, negli ultimi tempi la sifilide sta facendo registrare parecchi casi, anche in Italia. Ecco perché la ricerca in questo ambito non si ferma mai. L’ultima notizia al riguardo arriva dagli Stati Uniti e dal Canada, dove un gruppo di ricercatori ha avviato una sperimentazione per la messa a punto di un vaccino contro la sifilide.

Si trasmette con il sesso

La sifilide è una delle malattie sessualmente trasmesse più contagiose e anche più subdole, perché si sviluppa in varie fasi, alcune delle quali non si manifestano in modo evidente. È provocata da un particolare batterio, il Treponema pallidum, che si trasmette attraverso le ferite e le ulcere che si formano nelle zone genitali, nelle zone rettali e sulla bocca a seguito di contatto sessuale.

Evitare i rapporti a rischio

Al momento, le uniche misure preventive sono quelle legate allo stile di vita e al buon senso: per ridurre il rischio di contagio bisogna cioè evitare i rapporti a rischio specialmente con persone che presentano sintomi sospetti. In futuro, però, è possibile che le cose cambino. Infatti, un team di ricercatori dell’università canadese di Victoria (Colombia britannica, Canada) e dell’università di Washington (Usa) ha ottenuto una borsa di 2,3 milioni di dollari dal National Institute of Allergy and Infectious Diseases (Niaid) statunitense per effettuare tutti i test preclinici necessari allo sviluppo di un vaccino.

Speranze per il futuro

Per il momento gli scienziati hanno creato un particolare vaccino proteico che impedisce al batterio responsabile della sifilide di passare nel sistema circolatorio. Il passo successivo sarà combinare questo vaccino con altre proteine specifiche, capaci di prevenire le lesioni tipiche della malattia. “Noi speriamo che un vaccino, insieme a maggiori sforzi per la diagnosi precoce e a trattamenti efficaci, ci permettano di eradicare la sifilide. Si tratta di un patogeno incredibilmente invasivo. Uno dei rari agenti che riesce a passare dal sangue al cervello e dalla madre al feto” hanno spiegato gli esperti.

 

 

 
 
 

In breve

COME SI CURA

Le prime fasi della sifilide si curano con l’utilizzo della penicillina, un antibiotico molto efficace contro il batterio responsabile della malattia.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti