Sigarette: mix di elettroniche e tradizionali aumenta di 5 volte il rischio infarto

Luciana Pellegrino A cura di Luciana Pellegrino Pubblicato il 16/10/2018 Aggiornato il 16/10/2018

Chi fuma le sigarette elettroniche insieme alle classiche bionde ha molte più probabilità di avere un infarto, a differenza di chi fuma i singoli prodotti. Ecco perché

Sigarette: mix di elettroniche  e tradizionali aumenta di 5 volte il rischio infarto

Fumare ogni giorno le sigarette elettroniche insieme a quelle tradizionali quintuplica il rischio di avere un infarto. Lo sostiene uno studio effettuato su circa 70.000 persone, condotto da alcuni ricercatori dell’Università della California e pubblicato sull’American Journal of Preventive Medicine.

Mix pericoloso

Su 35.352 ex fumatori o ex svapatori di e-cig, 333 persone, ovvero il 3,6%, ha avuto un attacco di cuore, con una percentuale del 6% tra coloro che fumavano sigarette elettroniche o sigarette tradizionali tutti i giorni. Il 66% dei consumatori di sigarette elettroniche fumava anche quelle classiche. Per chi fumava tabacco e svapava, le probabilità di avere un infarto sono state 4,6 volte in più rispetto a chi non aveva mai fumato, né un tipo né l’altro.

Smettere abbatte il rischio

Stanton Glantz, direttore del Centro UCSF, sostiene però che il rischio di infarto diminuisce subito dopo aver smesso di fumare e lo stesso vale quando si smette di svapare le sigarette elettroniche.

Cuore e non solo

La sigaretta elettronica può essere utile nella dipendenza dal fumo di tabacco, ma non bisogna dimenticare che contiene sostanze dannose come il glicole propilenico, che a lungo andare può provocare forti irritazioni alle vie aeree, asma e riniti. Le e-cig infatti possono provocare non solo malattie cardiache e tumorali ma anche seri problemi respiratori, come tosse persistente e bronchite.

 

 

 

Da sapere!

Il consumo di sigarette elettroniche non attira solo chi vuole diminuire il fumo tradizionale ma attrae anche chi non ha mai fumato prima, soprattutto i giovani.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti