Sindrome dell’ovaio policistico aumenta il rischio di ansia?

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 11/06/2018 Aggiornato il 01/08/2018

Le donne che soffrono di sindrome dell’ovaio policistico sono più a rischio di ansia e depressione. Ecco perché

Sindrome dell’ovaio policistico aumenta il rischio di ansia?

L’ansia è una condizione complessa, causata da vari fattori, spesso presenti in associazione fra loro. Fra questi, un ruolo importante potrebbe essere ricoperto dalla sindrome dell’ovaio policistico. Perlomeno questo è quanto sostiene uno studio condotto da un team di ricercatori britannici, dell’università di Cardiff, e pubblicato sulla rivista medica Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism.

Qual è il problema

La sindrome dell’ovaio policistico è una particolare condizione caratterizzata da un aumento di volume delle ovaie (accompagnato dalla formazione di tante piccole cisti) e da un incremento del livello degli androgeni, ormoni maschili normalmente presenti in piccole quantità anche nell’organismo femminile. Può avere una serie di conseguenze: peluria in eccesso, acne, assenza di mestruazioni, difficoltà a concepire.

34.000 donne sotto esame

Lo studio che ha valutato il legame fra ansia e sindrome dell’ovaio policistico è stato condotto su 34mila donne. Alla metà di loro era stato diagnosticato l’ovaio policistico, mentre l’altra metà era sana. Tutte sono state sottoposte a una serie di analisi e sono state invitate a rispondere a questionari relativi a stato d’animo, umore e  stile di vita.

I risultati non lasciano dubbi

Dall’analisi dei risultati è emerso che il rischio di soffrire di problemi psichici è più elevato nelle donne con sindrome dell’ovaio policistico. In particolare, si è visto che le probabilità di sviluppare depressione sono del 19,3% nelle donne sane e del 23,1% in quelle con ovaio policistico, quello di andare incontro ad ansia sono del 9,3% nel primo gruppo e dell’11,9% nel secondo e, infine, quello di soffrire di disturbo bipolare sono 1,5% contro 3,2%. In alcuni casi i sintomi sono così invalidanti da influire sullo svolgimento delle normali attività, complicando la vita di chi ne soffre.

A rischio anche i figli

Non solo. Si è visto che i bambini nati dalle donne con sindrome dell’ovaio policistico sono più a rischio di autismo e disturbo da deficit di attenzione. “La sindrome è associata a problemi psichiatrici della donna e dei figli. Sarebbe opportuno considerare l’idea di fare degli screening per queste patologie una volta fatta la diagnosi del problema ovarico” hanno concluso gli autori.

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Per tenere sotto controllo la sindrome dell’ovaio policistico è bene seguire un regime alimentare equilibrato, povero di grassi e ricco di frutta e verdura, fare attività fisica e non sottoporsi a ritmi di vita troppo frenetici, laddove possibile.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti