Smartphone: c’è anche il rischio contusioni

Luce Ranucci A cura di Luce Ranucci Pubblicato il 03/02/2020 Aggiornato il 03/02/2020

L’uso inappropriato dello smartphone può lasciare segni anche sul viso. Ecco le conseguenze che non ti aspetti

Smartphone: c’è anche il rischio contusioni

Il cellulare lo usano sempre, tutti i giorni, giorno e spesso anche di notte, adulti, ragazzi e perfino bambini. Ma oltre ai già noti potenziali rischi per la salute, compaiono ora anche i colpi alla testa e al volto, oltre a graffi, tagli, lividi e perfino fratture. Come? Andando a sbattere camminando e guardando lo smartphone!

Lesioni piccole ma frequenti

Questo è il risultato di una ricerca americana della Rutgers New Jersey Medical School, pubblicata su Jama Otolaryngology, che ha scoperto appunto un picco negli ultimissimi anni di trattamenti ai Pronto Soccorso degli Stati Uniti per lesioni alla testa e al collo, a danno di chi ha l’abitudine di parlare o o chattare mentre camminava. L’idea di esaminare il problema è venuta al dottor Boris Paskhover, chirurgo plastico facciale, per la sua esperienza nel trattamento di pazienti con problematiche legate al cellulare. Non a caso, tra coloro che si sono rivolti al dottor Paskhover vi era una donna che si era rotta il naso quando ha lasciato cadere inavvertitamente il cellulare sul viso.

2.500 pazienti analizzati in Pronto Soccorso

Lo studio ha analizzato i dati relativi agli accessi in 100 Pronto Soccorso a partire dal 2006, riscontrando un aumento delle lesioni da cellulare in 2.500 persone. A livello nazionale le stime parlano di circa 76.000 persone ferite durante il lasso di tempo esaminato.. Circa il 40% delle problematiche prese in esame riguardavano giovani tra 13 e 29 anni rimasti feriti mentre camminavano e mandavano messaggi o  – peggio ancora .guidavano. 

Usare gli auricolari

Oltre a cercare di limitarne l’uso, può essere utile impiegare strumenti che contrastino la distrazione, quali auricolari Bluetooth e speaker, che consentono di camminare guardandosi in giro senza dovere fissare lo schermo, aumentando così il rischio di inciampare e cadere.

 

 
 
 

Lo sapevi che?

L’utilizzatore medio controlla il suo dispositivo 2.617 volte al giorno.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti