Smettere di russare grazie a un nuovo laser

Luciana Pellegrino A cura di Luciana Pellegrino Pubblicato il 11/01/2018 Aggiornato il 31/07/2018

Tra i rimedi per smettere di russare arriva un nuovo intervento non invasivo eseguito tramite l’applicazione di un laser: ecco come funziona

Smettere di russare grazie a un nuovo laser

Smettere di russare grazie a un mini intervento ambulatoriale effettuato tramite laser. E finalmente sogni d’oro anche per i partner dei russatori più incalliti.

20 minuti per smettere di russare

L’intervento viene effettuato tramite un laser in fibra ottica in ambulatorio in anestesia locale e dura circa 20 minuti. Occorrono tre sedute nell’arco di un anno per avere un riscontro positivo nell’80% dei casi.

Russa quasi la metà degli italiani

Secondo le statistiche quasi la metà della popolazione italiana, esattamente il 44% delle persone, soffre di russamento, un disturbo che comporta non solo problemi di salute ma anche problemi nei rapporti di coppia. Definito anche roncopatia, il russamento si verifica quando le via aeree di naso e gola sono ostruite e l’aria passa a fatica, formando un flusso che scatena le vibrazioni delle mucose, innescando così la patologia del russare che disturba il sonno.

Apnee notturne e non solo

A favorire la roncopatia possono essere tanti fattori, tra cui genetica, sovrappeso, età, postura durante il sonno, allergie, abuso di alcol e farmaci. Il disturbo più grave legato al russamento è la sindrome da apnea notturna che può portare anche a ictus e infarti.

Il laser quando i rimedi naturali falliscono

Per smettere di russare esistono vari rimedi naturali come, per esempio, condurre uno stile di vita sano, evitare il consumo di alcolici e tranquillanti, combattere il sovrappeso e l’obesità, dormire di lato e assumere infusi di ortica o salvia in grado di eliminare vari disturbi respiratori e favorire un sonno più tranquillo. Ma quando questi rimedi non funzionano, ora c’è il laser.

 

 
 
 

Lo sapevi che? 

Il rumore del russare è causato dalle vibrazioni del palato molle, delle tonsille, dell’ugola e della base linguale tramite il passaggio di aria che avviene durante l’inspirazione.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti