Sonno: quando è buono, il cuore è più protetto

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 09/04/2019 Aggiornato il 09/04/2019

Al contrario, il sonno “cattivo” aumenta il rilascio delle sostanze infiammatorie che predispongono all’arteriosclerosi

Sonno: quando è buono, il cuore è più protetto

Il sonno è un grande alleato della salute. Non solo perché permette di recuperare energie e di rigenerarsi a livello mentale, ma anche perché svolge tutta una serie di funzioni fondamentali per l’organismo. Inclusi il cuore e le arterie. Fino a oggi però non si sapeva esattamente quali legami di causa-effetto ci fossero fra un riposo di buona qualità e quantità e una buona salute cardiovascolare. Ora uno studio condotto da un’équipe di ricercatori americani dell’Istituto nazionale per il cuore, i polmoni e il sangue (Nhlbi), e pubblicato sulla rivista medica Nature, aiuta a fare chiarezza.

La ricerca in laboratorio

Lo studio è stato condotto in laboratorio su un gruppo di topi. Per prima cosa gli autori li hanno modificati geneticamente in modo che fossero predisposti allo sviluppo di una malattia del tutto simile all’aterosclerosi umana. Quindi, li hanno divisi in due gruppi: uno è stato sottoposto a un periodo di privazione del sonno, mentre l’altro ha potuto dormire normalmente. Prima, durante  e dopo l’esperimento, i ricercatori hanno eseguito una serie di test su tutti gli animali, allo scopo di valutare il loro stato di salute generale e, in particolare, lo stato di salute del cuore. Lo scopo era capire quale relazione esistesse fra riposo notturno e parametri cardiovascolari.

Aumentano le sostanze infiammatorie

Analizzando i risultati, gli esperti hanno scoperto che la privazione del sonno è nociva per il cuore. Infatti, nei topi che non hanno potuto dormire, si è verificato un calo dell’ormone ipocretina, che regola il ciclo sonno-veglia nel cervello e agisce sul midollo osseo, riducendo il rilascio in circolo di cellule ad azione infiammatoria, molto dannose per la salute cardiovascolare perché favoriscono l’arteriosclerosi. Inoltre, si è visto che nei topi sottoposti a privazione del riposo, nelle arterie si sono formate placche di grasso un terzo più grandi rispetto a quelle negli animali con un sonno normale. “Abbiamo identificato il meccanismo con cui un ormone prodotto dal cervello controlla la produzione di cellule infiammatorie nel midollo osseo in modo da proteggere i vasi sanguigni” hanno spiegato gli studiosi.

Ormone “amico” del cuore

In un secondo momento, gli esperti hanno somministrato ipocretina nei topi e scoperto che questa cura riduce gli effetti negativi della privazione di sonno. Hanno, dunque, concluso che l’ormone gioca un ruolo nell’infiammazione e nell’aterosclerosi. Hanno però aggiunto che serviranno nuovi studi per capire se lo stesso succede nell’uomo e se dunque l’uso di ipocretina può essere un fattore protettivo per la salute del cuore.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Per dormire bene e, dunque, proteggere la salute del cuore, è importante adottare alcune abitudini salva-sonno. Per esempio, consumare una cena leggera almeno un paio di ore prima di andare a dormire ed evitare di fare attività eccitanti e di usare dispositivi elettronici nella fascia serale.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti