Spirulina contro l’ipertensione?

Pamela Franzisi A cura di Pamela Franzisi Pubblicato il 27/03/2019 Aggiornato il 27/03/2019

Scoperte proprietà vasodilatatrici nell’alga spirulina. Il composto chimico, chiamato SP6, potrebbe portare allo sviluppo di nuove terapie per combattere l’ipertensione

Spirulina contro l’ipertensione?

L’ ipertensione può essere asintomatica o presentarsi con disturbi quali mal di testa o capogiri, sudore elevato, tachicardia, sensazione di fiato corto e disturbi della visione. Per combatterla da oggi potrebbe esserci un’arma in più: l’alga spirulina.

Come agisce

In quest’alga è presente un composto chimico che favorisce la vasodilatazione. La sostanza, un peptide chiamato SP6, è stata individuata da un team di ricerca italiano guidato da studiosi dell’unità di fisiopatologia vascolare presso l’Irccs Neuromed di Pozzilli, Isernia, che hanno collaborato con i ricercatori del dipartimento di medicina e chirurgia dell’Università di Salerno e dell’Università Sapienza di Roma. Questa scoperta potrebbe portare a nuove importanti terapie contro l’ ipertensione,  noto fattore di rischio di ictus, infarto e altre malattie cardiovascolari. La molecola, denominata SP6, sarebbe efficace come vasodilatatore.

Altre proprietà della spirulina

La spirulina è un’alga azzurra, a forma di spirale (da cui deriva il nome), diffusa nelle zone tropicali e subtropicali. È ricca di proteine, lipidi e amminoacidi essenziali. Aiuta a normalizzare il livelli di colesterolo e migliora il funzionamento del sistema immunitario, oltre che – come si è scoperto – contrastare l’ipertensione. Ricca di vitamine del gruppo B, ACE e minerali,  la spirulina ha anche proprietà antiossidanti, protegge dai radicali liberi e dall’invecchiamento precoce, da malattie neurodegenerative e alcune forme tumorali

Da sapere!

Gli integratori a base di spirulina sono molto utilizzati dagli sportivi, probabilmente grazie all’abbondanza di proteine.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni con attacchi di rabbia: che fare?

04/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Pazienza, comprensione, disponibilità, affetto sono gli ingredienti che aiutano a contrastare le crisi di rabbia di un bimbo di tre anni. Ma comprendere la ragione di certe intemperanze è altrettanto importante.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti