Stare al sole allunga la vita (delle donne)

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 18/05/2016 Aggiornato il 18/05/2016

Contrordine: stare al sole è un elisir di lunga vita per le donne. Ma non bisogna mai dimenticare di proteggersi!

Stare al sole allunga la vita (delle donne)

Sono in molti, medici e dermatologi, a sottolineare quanto stare al sole troppo e in modo sconsiderato, senza l’adeguata protezione, possa rappresentare un serio pericolo non solo per la pelle ma per l’organismo intero. Ma non si deve dimenticare che i raggi sono fonte di vita e hanno molti effetti benefici: modulano in senso positivo l’umore aiutando a contrastare la depressione, anche quella post-partum, stimolano il sistema immunitario, curano particolari patologie della pelle e favorendo la produzione di vitamina D rafforzano le ossa.

Esaminate 30.000 donne per vent’anni

Ma ora c’è una ragione in più per non privarsi del piacere del sole. Secondo un recente studio svedese, infatti, stare al sole allunga la vita delle donne. Le ricerche, svolte dal Karolinska Institute di Stoccolma hanno dimostrato che le donne che amano crogiolarsi al sole avrebbero il doppio delle probabilità di essere vive venti anni dopo rispetto alle donne che fuggono terrorizzate i raggi. Per provare che stare al sole allunga la vita delle donne i ricercatori hanno esaminato i dati riguardanti quasi 30mila donne, la cui salute è stata monitorata per due decenni.

Un toccasana per la salute

Oltre ad aver preso in considerazione variabili come l’abitudine al fumo, i ricercatori hanno scoperto che le donne che tendevano a esporsi al sole avevano meno probabilità di morire per malattie cardiache o a causa di altre patologie gravi come il cancro. Ma ancora più sorprendente è stata la scoperta che evitare il sole aumenta le probabilità di morire prematuramente quanto il fumo. I ricercatori svedesi non hanno ancora capito con chiarezza perché stare al sole allunga la vita delle donne ma ipotizzano che possa avere a che fare con il fatto che i raggi solari possono abbassare la pressione sanguigna e aumentare i livelli di vitamina D, un effetto che sembra offrire protezione da una serie di patologie.

Sempre con la crema solare

Resta comunque il fatto che per godere dei benefici del sole senza subirne i danni è assolutamente necessario esporsi con criterio e cautela; innanzitutto indispensabile è sempre la protezione di un solare che va scelto in un fattore protettivo tanto più alto quanto più chiara e sensibile è la pelle. Il solare va messo su tutte le parti esposte, in dose generosa e rimesso almeno ogni tre ore e sempre dopo i tuffi in acqua e la doccia perché la pelle non rimanga senza protezione. Da ricordare sempre che il solare non serve solo al mare ma anche in montagna, in campagna, persino in città se ci espone in modo diretto magari passeggiando o facendo sport in un parco.

 

 

 
 
 

la precauzione in più

Evitare le ore più calde, quando i raggi scottano in modo particolare e a non restare ore e ore sotto il sole: i benefici si ottengono anche con esposizioni brevi.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dolori mestruali spariti da quando è iniziata la ricerca di una gravidanza

29/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una spiegazione strettamente scientifica alla scomparsa della dismenorrea nel momento in cui si hanno rapporti sessuali non protetti non esiste, tuttavia il fatto stesso che a volte accada rende l'eventualità possibile.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti